Firenze in diretta
Firenze, Venerdì 22 Gennaio 2021 - ore 14:07
 
VERTENZA BEKAERT
VERTENZA BEKAERT
Ancora 116 lavoratori a rischio

A seguito dellŽaccordo approvato a grande maggioranza dai lavoratori Laika il 23 dicembre, si è svolto oggi un incontro convocato dalla Regione Toscana, per fare il punto sullŽassunzione dei 60 lavoratori Bekaert in Laika. Erano presenti alla riunione le aziende Laika e Bekaert, lŽadvisor Sernet, il Sindaco del Comune di Figline e Incisa e le organizzazioni sindacali territoriali.

I lavoratori Bekaert ancora in cassa integrazione hanno ricevuto nei giorni scorsi lŽinformativa sullŽaccordo attraverso le assemblee sindacali ed oggi abbiamo concordato con i soggetti presenti che, al fine di garantire la massima trasparenza, anche i centri per lŽimpiego della Regione Toscana e la direzione aziendale di Bekaert si attiveranno per fornire le informazioni necessarie a tutti i lavoratori. Il tavolo si riunirà periodicamente per monitorare lŽattuazione dellŽaccordo. Il prossimo incontro è previsto il 15 gennaio.

A margine dell’incontro i Segretari Generali territoriali di Fim e Fiom, Alessandro Beccastrini e Daniele Calosi, hanno rilasciato la seguente dichiarazione congiunta:

“LŽassunzione da parte di Laika di 60 lavoratori Bekaert è frutto di un lavoro sindacale realizzato con la direzione di Laika, Regione Toscana e i comuni interessati. Una soluzione parziale, trovata grazie al sistema di relazioni del territorio e non per merito di Bekaert o dei soggetti da lei scelti per lavorare alla reindustrializzazione del sito e alla rioccupazione dei lavoratori.

Adesso è il momento che chi deve giocare un ruolo mai svolto lo faccia fino in fondo. Il sindacato ha dimostrato di non stare con le mani in mano. Affinché quel sito venga reindustrializzato e dia le risposte ai 116 lavoratori ancora in ammortizzatore, mancano allŽappello il Governo e Bekaert. Torniamo quindi a chiedere una urgente convocazione al Ministero dello Sviluppo Economico.

Ad oltre due anni e mezzo dallŽannuncio della chiusura del sito di Figline gli unici elementi di sostegno alla vertenza sono arrivati dal sindacato e dalle istituzioni locali, ora tocca ad azienda e Governo trovare una soluzione da troppo tempo attesa, poiché in caso contrario il 9 marzo i lavoratori ancora in cassa integrazione saranno licenziati. E se ciò avverrà saranno chiare le responsabilità.”


04/01/21

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
CHIUSO LOCALE A SESTO
 
CHIUSO LOCALE A SESTO
Agenti aggrediti durante un controllo

Da oggi è scattata la sospensione della licenza per 7 giorni ad un pubblico esercizio di S ...

SEQUESTRATI 5 CHILI DI HASHISH
 
SEQUESTRATI 5 CHILI DI HASHISH
Trovati anche 8.800 euro 

Martedì pomeriggio, a Scandicci, la polizia ha sequestrato poco meno di cinque chili di ha ...

A1, CHIUSA LA DIRETTISSIMA
 
A1, CHIUSA LA DIRETTISSIMA
Nella notte tra il 21 e 22 gennaio

Sulla A1 Milano-Napoli Direttissima, per consentire lavori di ordinaria manutenzione degli impian ...

RECUPERO DELL´AREA EX GINORI
 
RECUPERO DELL´AREA EX GINORI
Diventerà un supermercato

La Giunta comunale di Sesto fiorentino ha approvato nella seduta di martedì 19 gennaio, il ...

CORONAVIRUS: 443 NUOVI CASI
 
CORONAVIRUS: 443 NUOVI CASI
72.811 le persone vaccinate

Sono 443 i positivi in più rispetto a ieri (439 confermati con tampone molecolare e 4 da t ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date unŽocchiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITAŽ DŽALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.