Firenze in diretta
Firenze, Venerdì 24 Gennaio 2020 - ore 18:36
 
IACHINI: SONO IL GARANTE DEL MERCATO
IACHINI: SONO IL GARANTE DEL MERCATO
Con la Spal dovremo giocare come contro la Juve

Queste le parole di Beppe Iachini, prima della partita che si disputerà domani alle 15 allo stadio Artemio Franchi contro la Spal.

“A Bologna abbiamo concesso poco, ma dobbiamo migliorare nel possesso, dobbiamo uscire con più qualità. Abbiamo commesso errori di palleggio, siamo ripartiti poco, anche se le occasioni per il 2-0 non sono mancate. Le partite, se non le chiudi, danno la possibilità agli avversari di forzare qualcosa. Con un pizzico in più di malizia potevamo vincerla. Andandolo a rivedere, il gol di Orsolini è stato un eurogol. In barriera ci doveva essere un altro uomo, ma non Chiesa. Serve attenzione, ma solo conoscendoci sempre di più possiamo migliorare. A me interessava vedere la risposta della squadra, con l’atteggiamento giusto, poi a livello di gioco abbiamo margini di crescita“.

Su Cutrone: “L’ho solo salutato, spero oggi si possa allenare, penso si possa fare da regolamento. Poi cercheremo di capire come sta. E’ un attaccante con caratteristiche importanti, è stato preso per questo. I giocatori che arriveranno renderanno la rosa più omogenea. La società si sta muovendo: Cutrone sa andare in verticale, attacca la profondità, ha anche molti margini di miglioramento e lavoreremo con lui per farlo migliorare“.

Braccino a Bologna per paura di vincere? “Si era visto anche prima del gol che c’era un po’ di tensione, con qualche palla sparacchiata via. Noi dobbiamo girare pagina dopo ogni partita: teniamo le cose positive, ce ne sono state, ma pensiamo a quelle da migliorare. Serve più personalità in certi momenti della partita, bisogna saper leggere e gestire bene le soluzioni finali“.

Sulla Spal: “E’ una partita importante, è difficile. Ho detto ai ragazzi di pensare alla partita come se giocassimo con la Juventus. La Spal ha vinto a Torino 2-0, ha battuto la Lazio. Ha fatto partite importanti, dovremo necessariamente fare una grande partita. Serve attenzione, il piglio di una partita importante”.

Sul turnover: “Pensiamo alla Spal, adesso non si pensa all’Atalanta. La Spal ha un gruppo che si conosce bene, lavorano insieme da anni. Domani servirà una grande partita individuale e di squadra. Oggi c’è solo questo obiettivo, il resto lo vedremo dopo“.

Ancora su Cutrone, con due esterni o con un’altra punta? “I moduli li fanno i giocatori, dobbiamo fare delle valutazioni. Oggi diamo certezze alla squadra, poi in futuro c’è l’idea di fare qualcosa di diverso. Facciamo cose normali, quando avremo tirato fuori la testa analizzeremo delle possibilità diverse”.

Sul ruolo di Chiesa: “A Federico adesso devo accorciare il campo, è stato fuori a lungo. Se lo faccio giocare esterno deve coprire, perderebbe lucidità davanti. Oggi è così, con il tempo potremo pensare anche ad un discorso diverso. Mi dicevano che anche Dybala doveva giocare esterno… Domenica con un po’ più di attenzione poteva fare gol, oltre alla parata di Skorupski, potevamo servirlo per andare in porta almeno altre tre volte“.

Sui tanti cross della Spal: “E’ una loro qualità da anni, con i centrocampisti che si buttano dentro. Noi sappiamo di dover attaccare meglio la porta avversaria, anche per far fare qualche cross in più agli esterni. Con il tempo miglioreremo anche questa situazione: non mi aspetto i gol solo dalle punte“.

Sui giovani da far crescere: “Nella Fiorentina ci sono giovani interessanti, che possono avere una prospettiva di un certo tipo. I frutti non si vedono dopo un mese, ma qui ci sono ragazzi interessanti. Però oggi dobbiamo guardare al metro, non al chilometro. Vogliamo risalire la classifica, pensiamo a crescere fisicamente, tecnicamente e tatticamente“.

Una caratteristica da trasferire alla squadra: “Possiamo lavorare tanto sul piano fisico e tattico, ma in campo serve poi la personalità. E’ facile fare gli allenatori quando le cose vanno bene. Ci può stare che arrivi un momento non positivo nella stagione, bisogna vedere poi come ne veniamo fuori, ma la personalità non deve mai mancare”.

Su Benassi: “C’è stima da parte mia. Sa andare dentro, ha margini di miglioramento. La sua storia parla, stiamo lavorando per farlo essere pericoloso“.

Sulla mancanza di autostima: “Questa può tornare solo con il lavoro del campo, poi ognuno in campo qualcosa del suo ce lo deve mettere. A Bologna, per frenesia, abbiamo sbagliato passaggi importanti in uscita. Sono tutte situazioni che abbiamo rivisto insieme. E’ chiaro che i risultati sono la miglior medicina. Non riguarda solo noi, ma tutte le squadre che attraversano periodi di difficoltà“.

Sul mercato: “Il mercato di gennaio è chiaro a tutti, non è facile. I giocatori si muovono difficilmente. Chiunque arriverà qui sarà perché l’allenatore ne ha parlato con la società. Ho fiducia nella società, mi sento un garante nei confronti dei tifosi: le cose saranno fatte nel modo più giusto possibile. Ricordiamoci però che oggi le cose non sono come nel mercato estivo. Ho grande fiducia anche nei ragazzi che sono qui con noi“.

Sulle ammonizioni: “Non chiedo ai giocatori di farsi ammonire, chiedo un certo tipo di atteggiamento. Il calcio di oggi vuole gamba, lettura delle situazioni, attaccare in avanti. Per fare nostre certe situazioni, però, ci vuole tempo, bisogna battere il ferro settimana dopo settimana. Bisogna impegnarsi mentalmente a correre in avanti, non a rinculare indietro”.

Sulla squadra: “Oggi valutiamo tutti, manderemo in campo chi sta meglio, anche in ottica di giocare la seconda e la terza partita in una settimana“.

Sul cambio Vlahovic-Boateng a Bologna: “Non riuscivamo più ad essere aggressivi, dovevamo insistere, Boateng non ci ha abbassati, un giocatore da solo non cambia il baricentro della squadra. Avevamo anche parlato di evitare certi falli a ridosso della nostra area, ma alla fine non ce l’abbiamo fatta”.

Sulla difesa a tre: “Ogni squadra ha una sua storia. La storia di questa squadra ha evidenziato che quando ha giocato in una certa maniera ha fatto le migliori prestazioni. Con altri sistemi ha avuto più problemi. Oggi ci sono alcune certezze e lavoreremo su quelle. Strada facendo lavoreremo su altre soluzioni“.

Su Castrovilli: “Le mie mezze ali non devono avere atteggiamento da interni. Lui deve andare, deve prendere anche la posizione di trequarti. A Bologna lo ha fatto qualche volta, ma non siamo stati bravi con le imbucate centrali, anche se un’azione pericolosa c’è stata, ma Dusan ha calciato dal limite anziché servire Gaetano. Deve saper variare il tema tattico anche lui, per essere meno prevedibile. Con il tempo queste cose verranno automatiche“.

FONTE: fiorentina.it


11/01/20

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
IACHINI: VINCERE QUI VALE DI PIU´
 
IACHINI: VINCERE QUI VALE DI PIU´
Il Genoa non merita questa classifica

Iachini in sala stampa presenta la partita che la Fiorentina affronterà domani alle 18 all ...

SOTTIL RINNOVA FINO AL 2024
 
SOTTIL RINNOVA FINO AL 2024
Pradè: Servono altri due giocatori

Sottil e Pradè si sono presentati in sala stampa al Franchi per illustrare il rinnovo di c ...

ALLENAMENTO VIOLA A PORTE APERTE
 
ALLENAMENTO VIOLA A PORTE APERTE
Circa duemila i tifosi presenti

Sono circa duemila i tifosi viola che si sono presentati allo stadio Franchi per assistere alla s ...

VIOLA: ALLENAMENTO A PORTE APERTE
 
VIOLA: ALLENAMENTO A PORTE APERTE
Lunedì appuntamento alle 17:15

La sessione di allenamento della Fiorentina di lunedì 20 gennaio si svolgerà allo S ...

NAPOLI - FIORENTINA 0-2
 
NAPOLI - FIORENTINA 0-2
Chiesa e Vlahovic fanno viola il San Paolo

Iachini per affrontare il Napoli al San Paolo cambia ancora formazione e schiera: Dragowski; Mile ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.