Firenze in diretta
Firenze, Lunedì 17 Febbraio 2020 - ore 07:15
 
MINACCE DI MORTE ALLA SINDACA BARNINI
MINACCE DI MORTE ALLA SINDACA BARNINI
E´ la terza lettera intimidatoria in un mese

Una lettera con minacce di morte per la sindaca di Empoli Brenda Barnini è stata recapitata ieri e recava la firma ´Empoli fascista non dimentica´.

Tra le deliranti accuse alla sindaca quella di aiutare gli stranieri e di voler dare la cittadinanza onoraria a Liliana Segre, senatrice a vita, che ha subito la deportazione ad Auschwitz.

L´ennesima minaccia di morte. La prima era stata nel 2018, poi altre due volte all´inizio di questo novembre. Dunque è la terza lettera in un mese.

La missiva stavolta si compone di poche righe, scritte a mano e con una calligrafia incerta e stentata: "Guardati le spalle, presto avrai una pallottola nella schiena". E poi su Liliana Segre, ricordata in modo offensivo per il suo essere ebrea ed altre parole di odio con cui si invita la sindaca a ricordarsi dei suoi cittadini prima di occuparsi di migranti ed extracomunitari.

"Un atto doppiamente grave: per le minacce rivolte ad una sindaca e per l´odio razziale di cui sono intrise le parole che l´accompagnano". Il presidente della Toscana Enrico Rossi e l´assessore ai rapporti con gli enti locali Vittorio Bugli condannano fermamente l´episodio.

"A Brenda Barnini va la solidarietà mia e di tutta la giunta toscana - commenta il presidente della Regione Enrico Rossi – Il ripetersi sempre più spesso, in Italia ma anche in Toscana, di attacchi verbali (ma anche non solo verbali) di tipo razzista e fascista sono segnali preoccupanti assolutamente da non sottovalutare: dai gruppi neofascisti bloccati dalle forze dell´ordine e dalla magistratura di recente nel senese all´episodio, sempre a Siena, del professor universitario filonazista che su twitter elogiava Hitler ".

"Si tratta di attacchi inaccettabili e vergognosi – commenta l´assessore Bugli – Non dobbiamo abbassare la guardia. Compito delle istituzioni è impegnarsi a diffondere una cultura fondata sulla cultura dell´antifascismo, soprattutto tra i più giovani, e della legalità: una cultura dove l´avversario non diventa mai un nemico. Per il resto confidiamo che velocemente gli inquirenti possano scoprire gli autori della lettera inviata alla sindaca di Empoli".


07/12/19

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
NUOVO STOP PER L´AEROPORTO
 
NUOVO STOP PER L´AEROPORTO
Il Consiglio di Stato boccia la Via

Il Consiglio di Stato ha bocciato il ricorso di Toscana aeroporti contro la decisione del Tar tos ...

MIGLIORARE LA QUALITA´ DELL´ARIA
 
MIGLIORARE LA QUALITA´ DELL´ARIA
Siglato un accordo tra Ministero e Regione

Un accordo di programma per il miglioramento della qualità dell´aria in Toscana: lo ...

FILIERA CORTA NELLE MENSE SCOLASTICHE
 
FILIERA CORTA NELLE MENSE SCOLASTICHE
Il Governo impugna la legge regionale

“Trovo incomprensibile l’atto del governo per una legge che rafforza la qualità ...

CANDIDATURA PER LE OLIMPIADI 2032
 
CANDIDATURA PER LE OLIMPIADI 2032
Nardella incontra il presidente Bonaccini

Il sindaco di Firenze, Dario Nardella ha incontrato a Palazzo Vecchio il presidente della Regione ...

ELEZIONI REGIONALI DI MAGGIO
 
ELEZIONI REGIONALI DI MAGGIO
Irene Galletti è la candidata del M5S

Il Movimento Cinque Stelle ha scelto la candidata per sfidare Giani (e il candidato del centrodes ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.