Firenze in diretta
Firenze, Sabato 5 Dicembre 2020 - ore 12:54
 
PRANDELLI: QUI PER CUORE E ISTINTO
PRANDELLI: QUI PER CUORE E ISTINTO
´La mia vita è legata alla Fiorentina´

"Da quindici anni la mia vita è legata alla Fiorentina. Sono stato anche abbonato. Ora spero di restituire sul campo la passione e la voglia di fare bene con questa squadra". Cesare Prandelli, il ritorno, si riassume in questa dichiarazione d´amore a Firenze e alla Fiorentina.

La prima parte della romanzo viola si era interrotta con un saluto dalla finestra degli spogliatoi verso i tifosi che lo aspettavano al ritorno dalla tourneè canadese (chiusa con la vittoria sulla Juventus) al termine di una stagione che aveva visto i viola protagonisti in campionato (fino a poche giornate dal termine) ma soprattutto in Coppa Italia (semifinalisti eliminati dall´Inter del triplete) e in Champions League...proprio in quel Bayern c´era un certo Franck Ribery: "Gli dirò che è un ´mariuolo´ e che quello è stato davvero uno dei furti più colossali della storia - ha spiegato Cesare Prandelli nella conferenza stampa - ma tornando al campo, non ci possiamo permettere di affidarci a Franck, sempre. Lui ha qualità che vanno sfruttate con i tempi e i modi giusti".

Ad aprire la conferenza introdotta dal DS viola Daniele Pradè ci sono stati i doversi ringraziamenti a Beppe Iachini per il grande lavoro svolto e il sacrificio in uno dei momenti più difficili del calcio, vista l´emergenza Covid-19.

"Voglio anche spiegare - ha sottolineato Pradè - che tutte le scelte qui sono condivise tra me, Joe Barone e la presidenza di Rocco Commisso. Anche in un periodo in cui è difficile incontrarsi faccia a faccia, ci tengo a specificare questa cosa. La scelta del nuovo tecnico ( così come in passato quella della conferma di Iachini ad agosto) sono state prese da me nell´interesse di fare il meglio per la Fiorentina. Sono sicuro che il ritorno di Cesare Prandelli alla Fiorentina porterà nuovo entusiasmo nell´ambiente".

E proprio dell´entusiasmo ha parlato anche il tecnico viola : "Devo essere bravo a dosare anche la mia voglia di entrare subito con energia nell´ambiente. Bisognerà prima capire la situazione e poi lavorare sul gruppo. Ci sono tanti valori importanti in questa squadra, ma prima di parlare di moduli o fasi di gioco, voglio vedere la situazione sul campo. Il mio primo pensiero ora è proprio questo, andare a dirigere il primo allenamento".

“Mi piace l’aspetto umano che c’è in questa società. Ho incrociato Beppe, e ci siamo salutati. C’è grande coesione, e voglia di far bene. Se ci fosse stato Rialti avremmo scherzato oggi. Avrebbe detto: iniziamo una nuova storia, e lavoreremo tutti nella stessa direzione. A me, e a tutti noi. E voglio mandare il mio pensiero a Rialti. Mai, qualche settimana fa, avrei pensato di poter rientrare nei papabili della Fiorentina. Una settimana fa ho ricevuto una telefonata, mi ha chiamato Preziosi, presidente del Genoa. Mi ha detto che verranno a cercarti, sei pronto? Non sapevo nulla. Mi ha detto che aveva parlato bene di me. Lo voglio ringraziare pubblicamente”.

Perchè la Fiorentina. “Ho sempre amato la Fiorentina, Firenze. Mi sono pagato gli abbonamenti per vederla. Mi auguro, e spero, di poter dare tanto a questa squadra e alla piazza”.

Cambi tattici. “Qualche idea ce l’ho. Per me Kouame non può fare la prima punta. Deve giocare seconda punta. Amrabat dipende da come giocano anche i compagni. Ha delle qualità straordinarie, può anche fare il giocatore davanti alla difesa, ma solo in determinate circostanze. La prima cosa che gli ho detto, a Pradè, è che questa squadra ha un gran bel motore. Le basi ci sono per poter lavorare bene. Dobbiamo capire perché questo motore non ha girato. Prima, comunque, ne parlerò coi giocatori per capire come e se possiamo fare dei cambiamenti tattici”.

Obiettivi “Mi sono messo a servizio della società. Sono allenatore, sì, ma anche tifoso della Fiorentina. Ragionerò coi calciatori come se fossi un tifoso vero. Dieci anni dopo le cose cambiano. Ma l’amore è lo stesso. A Firenze non si può non avere fame. E’ una città molto particolare, molto esigente. Dobbiamo capire bene noi come ripagare questa fiducia e questa fame. Voglio che tutti abbiano rispetto per questa piazza e per i nostri tifosi”.

CHI ME L’HA FATTO FARE. “Il cuore, l’istinto. Vivo qui, a Firenze. Tanti tifosi per strada mi hanno chiesto negli anni di tornare. Io non sarei mai andato via. Ormai lo sappiamo. C’è grande ambizione e voglia in questa società, in questa piazza. E ho voluto riprendere da dove avevo finito. So che posso rovinare l’equilibrio del rapporto che c’è con la gente. Ma sono sicuro che faremo buone cose”.

BARONE E ROCCO. “Ho trovato una grande umanità, nel primo colloquio mi hanno detto che prima volevano ringraziare Iachini. E queste cose mi piacciono. Potremo creare, anche con questi rapporti, un bel feeling”.

SPIRITO SQUADRA. “La Fiorentina deve dare tutto. Chi indossa questa maglia deve fare ciò. E ci vuole, a volte, coraggio. Ci sono grandi pretese, lo sappiamo. Siamo Firenze. Il popolo fiorentino sappiamo quanto sia orgoglioso di esserlo. E vogliamo dare tutto sul campo. Sappiamo che sarà difficile. Non ho la bacchetta magica. Ma il senso di appartenenza deve essere forte”.

RICORDO. “Per 4 anni e mezzo c’è stato un rapporto pazzesco con la piazza e con la società. Negli ultimi mesi poi sono cambiate le idee di progetto tecnico, può capitare, dopo anni, che ci si trovi in disaccordo. Il ricordo è sempre stato molto buono”.

FUTURO. “Il mio desiderio e la mia volontà è quella di dare coraggio a questa squadra. In poche settimane, a livello tecnico, spero di trasformare questa Fiorentina in una squadra che crea, gioca, e si renda molto pericolosa. Per me questa squadra ha nelle corde tanto potenziale. E voglio, e credo di poterlo fare, tirarglielo fuori”.

“Siamo tutti privilegiati nel mondo del calcio. La gente comune vive un periodo molto difficile. Speriamo di dar loro delle soddisfazioni”.

Di nuovi sugli obiettivi “Parte sinistra, dicono tutti. Ma dev’essere solo un punto di partenza. Non di arrivo. La squadra, per me, ha grandi potenzialità. Con ambizione spero di arrivare presto a far molto meglio. Quando Pradè mi ha chiamato sono rimasto molto sorpreso, con piacere, e abbiamo iniziato a parlare subito di calcio. Quando c’è voglia e sintonia si lavora bene”.

EX VIOLA E BATISTUTA. “Batistuta lo sentirò dopo. Per me può essere un grande valore aggiunto. Perchè per una punta sarebbe un grande motivo di crescita lavorare con Bati, ma ora non si può fare. Ne riparleremo. Vediamo se ci saranno i presupposti”.

COMMISSO. “Mi ha detto che ci sono dei buoni valori in questa rosa. E abbiamo parlato di questo. Vogliamo entrambi tirar fuori il meglio da questo gruppo. Commisso sa tutto, e potremo programmare al meglio ogni cosa”.

DIFESA A QUATTRO. “Vanno valutate tante cose. Capire le predisposizioni dei calciatori. Giocare a tre o cinque. poi la squadra dovrà essere pronta ad essere in grado si poter svolgere tutti i moduli”.

MENTALITA’. “Dobbiamo prima di tutto lavorare sulla mentalità. Siamo una squadra forte. Dobbiamo innanzitutto lavorare su questo. Siamo Firenze, siamo la Fiorentina. Dobbiamo esprimere il massimo, per essere ripagati. Ancora, secondo me, molti giocatori non sanno che qualità hanno. E devono tirarle fuori”.

TRAGHETTATORE. “Chiamatemi come volete. Supplente, traghettatore. Io sono in una società che ha sempre valorizzato la meritocrazia, e il lavoro. Adesso non ci penso. Penso solo a far risultati e far bene. Poi si vedrà. Conteranno sicuramente i risultati”.


10/11/20

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
PRANDELLI NON E´ POSITIVO AL COVID
 
PRANDELLI NON E´ POSITIVO AL COVID
Torna ad allenare la Fiorentina

Cesare Prandelli non è più positivo al Coronavirus, o forse non lo è mai sta ...

PRANDELLI POSITIVO AL COVID
 
PRANDELLI POSITIVO AL COVID
La squadra è in bolla

L´allenatore viola Cesare Prandelli è risultato positivo al Coronavirus ed è ...

ABISSO VIOLA
 
ABISSO VIOLA
Il Milan fa 2-0 e la classifica diventa insidiosa

La Fiorentina naufraga a San Siro. Al Milan basta la prima mezz´ora di gioco per mettere al ...

PRANDELLI: VOGLIO CONTINUITA´
 
PRANDELLI: VOGLIO CONTINUITA´
A San Siro sarà dura, servirà il collettivo

Cesare Prandelli parla della partita che domani vedrà la Fiorentina affrontare, a San Siro ...

VIOLA AVANTI IN COPPA ITALIA
 
VIOLA AVANTI IN COPPA ITALIA
Montiel regala la vittoria ai supplementari

Oggi è una giornata tristissima per il calcio che perde una delle sue stelle più lu ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.