Firenze in diretta
Firenze, Domenica 5 Aprile 2020 - ore 08:41
 
DUE NUOVE SCULTURE AGLI UFFIZI
DUE NUOVE SCULTURE AGLI UFFIZI
Arricchiscono la raccolta di epoca romana

Due sculture femminili di epoca romana arricchiscono da oggi la vasta raccolta di oltre milleduecento marmi romani posseduta dalle Gallerie degli Uffizi. Le opere, insieme a due epigrafi anch’esse romane, sono state acquistate dal museo nell’ambito di un’asta tenuta recentemente da Pandolfini a Firenze.

La prima è una statua a grandezza naturale databile alla prima metà del I secolo d.C.: raffigura una donna abbigliata con una veste rituale, forse un capo sfoggiato dalle novelle spose, che trova i suoi confronti più convincenti nei rilievi dell’Ara Pacis, caposaldo della cultura augustea.

A questo raro marmo si aggiunge uno busto con una testa femminile dalla complessa acconciatura, che riproduce la singolare tipologia di pettinatura in voga fra l’età traianea e l’inizio di quella adrianea (110-130 d.C.). Oltre alle sculture sono state acquisite dagli Uffizi due epigrafi di grande interesse documentario. La prima, proveniente dall’area di Tivoli, ricorda Marco Aveieno, un coactor argentarius, cioè un esattore delle aste pubbliche vissuto nel I secolo d.C. L’epigrafe amplia il nucleo di iscrizioni latine di provenienza tiburtina già da secoli proprietà delle Gallerie fiorentine; è di provenienza tiburtina anche la seconda iscrizione, inedito frammento appartenente ad un’epigrafe monumentale che, probabilmente, accoglieva una dedica imperiale.

Tutte queste opere saranno oggi pomeriggio (ore 17,30) al centro di una conferenza tenuta nell’auditorium degli Uffizi dal curatore dell’arte classica del museo Fabrizio Paolucci e dalla studiosa Novella Lapini, sempre degli Uffizi.

“L’acquisto testimonia nel modo più evidente il rinnovato interesse per la collezione di marmi antichi delle Gallerie degli Uffizi, storicamente il vero cuore del museo che, per qualità e numero delle opere, vanta pochi confronti in Italia e all’estero – commenta il direttore Eike Schmidt - Questa incredibile raccolta, ricca di oltre un migliaio di statue, si deve interamente al collezionismo mediceo e lorenese che, per secoli, acquistò sistematicamente sul mercato le più belle opere marmoree restituite dal terreno. Queste ultime acquisizioni, dunque, rientrano pienamente in quella che, per secoli, è stata la politica culturale predominante nella formazione delle raccolte della Galleria”.

“Le opere – aggiunge Fabrizio Paolucci – tutte provenienti da antiche collezioni, non solo rispecchiano perfettamente la natura dei marmi già presenti in museo, ma presentano anche una qualità formale e un interesse storico che le rendono pienamente degne di figurare fra i migliori marmi già esposti”.


12/02/20

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
´ITALIA PUOI FARCELA´
 
´ITALIA PUOI FARCELA´
Il messaggio d´incoraggiamento di Jeff Koons

”Italy, you can do this!" con queste parole Jeff Koons incoraggia l´Italia in un vide ...

CULTURA E´ RETE
 
CULTURA E´ RETE
Piattaforma di condivisione della Regione Toscana

Ossigeno e orizzonti, occasioni per viaggiare con la mente, nutrire l’anima, allacciare rap ...

MARINA ABRAMOVIC: ITALIA TI AMO
 
MARINA ABRAMOVIC: ITALIA TI AMO
Il messaggio di incoraggiamento

”Italia, ti amo. Il mio cuore è con voi”: con queste parole Marina Abramovi ...

CAMPAGNE SOCIAL DEGLI INNOCENTI
 
CAMPAGNE SOCIAL DEGLI INNOCENTI
Intrattenimento per bambini e appassionati d´arte

Al via due campagne social dell´Istituto e del Museo degli Innocenti per intrattenere e sostenere ...

IO RESTO A CASA CON IL MAGGIO
 
IO RESTO A CASA CON IL MAGGIO
Concerti e opere in streaming gratuito

La voce del Maggio continua a farsi sentire anche nelle case degli appassionati di musica grazie ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.