Firenze in diretta
Firenze, Sabato 30 Maggio 2020 - ore 03:14
 
SCONFIGGERE LŽEPATITE NEI BAMBINI
SCONFIGGERE LŽEPATITE NEI BAMBINI
Indolfi specialista del Meyer a capo del gruppo di lavoro

Obiettivo zero, ovvero eradicare le infezioni da epatite B e C nei bambini e negli adolescenti entro il 2030: è questo l’ambizioso obiettivo su cui sta lavorando un gruppo di specialisti selezionato a livello internazionale dall’Organizzazione mondiale della sanità. A coordinare la task force, è stato chiamato il professor Giuseppe Indolfi, pediatra specialista in epatologia del Meyer e professore associato dell’Università di Firenze. Un riconoscimento importante sia per il professionista sia per l’Ospedale pediatrico fiorentino che, nel corso degli anni, ha fornito importanti contributi alla ricerca su questa patologia, una delle infezioni croniche più diffuse e con pesanti ripercussioni a livello di morbilità e mortalità. I primi risultati del lavoro di questo gruppo multidisciplinare sono stati pubblicati, nei giorni scorsi sulla prestigiosa rivista The Lancet Gastroenterology and Hepatology e sono stati presentati presso la Società europea di Epatologia. Il gruppo ha messo a fuoco le strategie necessarie per sconfiggere la malattia: dalle conoscenze che ancora mancano all’appello alle pratiche cliniche. L’immunizzazione universale dell’epatite B alla nascita e durante l’infanzia e la disponibilità di terapie per l’epatite C sono risultate essere la strategia chiave per l’eliminazione globale dell’infezione. Anche la Regione Toscana è impegnata da anni su questo fronte, con un piano triennale di eradicazione dell’epatite C su tutta la popolazione.

La scoperta del virus dellŽepatite C è relativamente recente e risale al 1989. Da allora gli specialisti del pediatrico fiorentino hanno scritto pagine importanti nella storia della battaglia contro questa patologia, una battaglia che si avvia verso un epilogo felice: oggi, infatti, la ricerca ha messo a punto terapie che sono considerate efficaci per sconfiggerla. I pediatri del Meyer hanno impiegato importanti energie per dare il loro contributo: prima Alberto Vierucci, che per primo ha dimostrato la presenza del virus dell’epatite B in Europa, poi Massimo Resti, che, insieme ad altri, ha esplorato i meccanismi della trasmissione materno-fetale, analizzando i fattori di rischio e il processo di cronicizzazione della malattia. Tra gli studi più importanti, quello relativo all’allattamento: furono gli specialisti del Meyer a scoprire infatti che le mamme con questa patologia potevano allattare i loro piccoli senza rischi di infezione.


14/05/19

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
2 NUOVI TRENI ROCK
 
2 NUOVI TRENI ROCK
Rinnoveranno la flotta in Toscana

Arrivano i primi due treni Rock per rinnovare a flotta ferroviaria in Toscana. Li hanno consegnat ...

UN ALBERO PER OGNI MORTO DI COVID
 
UN ALBERO PER OGNI MORTO DI COVID
L´idea del sindaco Nardella

Il sindaco Dario Nardella ha annunciato che nel comune di Firenze sarà piantato un albero ...

BETORI CELEBRERA´ LA MESSA CRISMALE
 
BETORI CELEBRERA´ LA MESSA CRISMALE
I fedeli potranno assistere in streaming

L´Arcivescovo di Firenze, Giuseppe Betori presiederà sabato 30 maggio alle 9.30 in C ...

I LAVORI DELLA PROSSIMA SETTIMANA
 
I LAVORI DELLA PROSSIMA SETTIMANA
Tutte le strade interessate

Nuovo asfalto in via delle Cinque e il rifacimento della segnaletica in via Pilati. Ma anche ripr ...

PIUŽ SICUREZZA PER PEDONI E CICLISTI
 
PIUŽ SICUREZZA PER PEDONI E CICLISTI
Installati ai semafori segnalatori appositi

I ciclisti e i pedoni che in questi giorni sono tornati a percorrere in gran numero le strade e i ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date unŽocchiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITAŽ DŽALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.