Firenze in diretta
Firenze, Giovedì 22 Agosto 2019 - ore 06:13
 
OMAGGIO A CATERINA
OMAGGIO A CATERINA
Mostra in palazzo Medici Riccardi

Nell’ambito delle celebrazioni del cinquecentenario della nascita di Cosimo e Caterina de’ Medici, la Città Metropolitana di Firenze, l’Ufficio Unesco del Comune di Firenze e Mus.e presentano al grande pubblico un ricco programma di iniziative che prende avvio proprio nell’anniversario della nascita di Caterina avvenuta il 13 aprile 1519.

 

Dal 13 aprile al 21 maggio il pubblico potrà infatti fruire della mostra temporanea ´Omaggio a Caterina´ e di un programma di eventi tesi a evidenziare il legame che Caterina de’ Medici ebbe con il palazzo di famiglia – Palazzo Medici Riccardi - nella sua infanzia e giovinezza fino al trasferimento in Francia nel 1533. Figlia di Maddalena de la Tour d’Auvergne e di Lorenzo duca d’Urbino, entrambi destinati a scomparire poche settimane dopo la nascita, Caterina abita infatti le stanze della residenza medicea durante i suoi soggiorni fiorentini, alternati a quelli romani e alla custodia forzata presso i conventi femminili di Santa Lucia, Santa Caterina e delle Murate negli anni dell’assedio fiorentino.

 

Il dipinto di Jacopo Chimenti da Empoli Nozze di Caterina de’ Medici con Enrico II di Francia, gentilmente concesso in prestito dalle Gallerie degli Uffizi, sarà infatti esposto all’interno del percorso museale insieme ad alcuni documenti e testi sull’infanzia di Caterina provenienti dalla Biblioteca Moreniana e ai ritratti di Cosimo I, Francesco I e Ferdinando I de’ Medici di Anastagio Fontebuoni. Il dipinto del Chimenti ricorda l’unione della giovane Caterina con Enrico di Valois, figlio di Francesco I e futuro re di Francia, celebrata a Marsiglia il 28 ottobre 1533 dal pontefice Medici Clemente VII. Caterina aveva lasciato Firenze per la Francia nel settembre dello stesso anno, accomiatandosi per sempre dalla sua città natale.

 

Sabato 13 aprile alle ore 16.30 sarà inoltre possibile prendere parte alla conferenza “Caterina de’ Medici. Ritratto di regina da giovane” di Marcello Simonetta, celebre studioso e autore della recente monografia su Caterina de’ Medici (Rizzoli): Marcello Simonetta rievocherà l’infanzia di Caterina fra le magnificenze di Palazzo Medici e le strettezze del convento delle Murate, negli anni tumultuosi del primo Cinquecento a Firenze, e poi l’adolescenza a Roma, fino al matrimonio a Marsiglia e alla vita nella corte di Francesco I e di suo marito, il futuro Enrico II (Marcello Simonetta è autore di una trilogia sui Medici: L’enigma Montefeltro, 2008, Volpi e Leoni, 2014 e Caterina de’ Medici, 2018, tutti pubblicati da Rizzoli). La conferenza sarà accompagnata da letture drammatizzate di Tiziana Giuliani, attrice, drammaturga e regista.

 

A seguire, alle 18.00, nelle sale del percorso museale un trio di musicisti proporrà “Dolcissimi legami” raffinato programma di musiche di autori europei della seconda metà del Cinquecento, fino alla prima metà del secolo successivo. Il concerto è realizzato da Zefiro e la Musica, un ensemble che si dedica allo studio e alla diffusione della danza, della musica, della letteratura e delle arti figurative dal Quattrocento al Settecento. Queste erano infatti alcune delle principali discipline studiate e praticate dall´uomo di corte del Rinascimento fino all´epoca Barocca. Le proposte dell’ensemble, composto da danzatori, musicisti e attori, vanno dal concerto ballato, allo spettacolo teatrale, alle conferenze, a eventi legati a rievocazioni storiche e altre ancora. Caratterizzante è l´intreccio di discipline, in un raffinato rimando e dialogo che richiama il contesto culturale denso anche di simboli e significati nascosti.

 

Durante la giornata di domenica 14 aprile sarà invece possibile prendere parte a una serie di percorsi guidati in palazzo che consentiranno di conoscere la storia dell’edificio con un focus particolare sull’infanzia di Caterina e dei rampolli Ippolito e Alessandro, con cui la giovane condivide i primi anni di vita divisi tra Firenze e Roma. Posta sotto la tutela prima della nonna Alfonsina, poi del prozio papa Leone X, poi ancora del lontano cugino Giulio de’ Medici (poi papa Clemente VII), sotto lo sguardo sempre attento del re di Francia, la “duchessina” trascorre infatti lunghi soggiorni nel palazzo di famiglia, prima di essere trasferita in convento nel 1527 a seguito del rovesciamento dei Medici.


09/04/19

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
NASCE LA CARD DEL FIORENTINO
 
NASCE LA CARD DEL FIORENTINO
Un anno di ingressi illimitati nei musei civici con 10 euro

Accesso privilegiato nei musei civici per tutti i fiorentini, residenti a Firenze o nell’ar ...

UFFIZI, APERTURA GRATUITA L´11 AGOSTO
 
UFFIZI, APERTURA GRATUITA L´11 AGOSTO
Per commemorare l´incendio del 1762

Apertura gratuita straordinaria alla Galleria degli Uffizi di Firenze domenica, per commemorare l ...

APERTURA SERALE DEGLI UFFIZI
 
APERTURA SERALE DEGLI UFFIZI
Boom di presenze

Gli Uffizi di sera piacciono sempre di più: a confermarlo è il boom di presenze reg ...

NUOVA BIGLIETTERIA PER L´OPERA DEL DUOMO
 
NUOVA BIGLIETTERIA PER L´OPERA DEL DUOMO
Si aggiunge alle altre tre esistenti

Da mercoledì 7 agosto 2019, l’Opera di Santa Maria del Fiore apre ufficialmente al p ...

DONNA CON BAMBINO DI ZAMBINI
 
DONNA CON BAMBINO DI ZAMBINI
Restaurata torna alla Camera di Commercio

Dopo il restauro, curato dall´Opificio delle pietre dure e durato circa un anno, la statua di ter ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.