Firenze in diretta
Firenze, Sabato 20 Aprile 2019 - ore 15:12
 
UCCISI PER IL TROPPO RUMORE
UCCISI PER IL TROPPO RUMORE
Nessun pentimento da parte del killer

Salvatore e Simone Andronico sono stati uccisi a sangue freddo da Fabrizio Barna, il vicino di casa che da quando avevano cominciato i lavori di ristrutturazione della casa colonica a Quinto Alto, protestava per il rumore.

L´uomo, che si era chiuso in casa da circa tre anni, da quando si era licenziato da un centro commerciale dopo la morte dei genitori, ieri ha fatto fuoco con la sua beretta regolarmente denunciata.

Pare che Barna avesse già minacciato gli Andronico con la pistola perchè da quando avevano comprato quella casa vicino alla sua non gli andava bene, nè il rumore per la ristrutturazione, nè il rifacimento delle fosse biologiche e così via. La famiglia Andronico si era rivolta anche all´ufficio comunale di mediazione sociale per dirimere questa lite, ma una lettera mandata dall´ufficio a Barna è rimasta senza risposta.

Purtroppo ieri il tragico epilogo con Barna che avrebbe prima freddato con due colpi alla testa il padre e poi rincorso Simone per ucciderlo con cinque pallottole.

Il sindaco di Sesto, Lorenzo Falchi, ha proclamato il lutto cittadino: "Tutta la comunità di Sesto Fiorentino è profondamente colpita per i tragici avvenimenti di ieri mattina. Ci stringiamo tutti intorno ai parenti, agli amici e alle persone care per Salvatore e Simone, strappati alla vita da un gesto inumano e criminale. Nessuna parola può esprimere quello che ha investito ieri una comunità come la nostra, coinvolgendoci tutti e suscitando grande rabbia e tristezza. Per questo, per esprimere la vicinanza e la partecipazione del Comune di Sesto Fiorentino al dolore di tanti, da oggi abbiamo deciso di dichiarare il lutto cittadino fino al giorno dei funerali. Come già espresso ieri personalmente ai cari e ai familiari di Salvatore e Simone ancora una volta non posso che manifestare il mio personale cordoglio e quello di tutta la città."

Infine veniamo al killer. Barna si è fatto arrestare senza opporre resistenza, anzi pare che in casa stesse facendo le cose come se nulla fosse successo. Alle domande dei carabinieri avrebbe risposto non mostrando alcun pentimento, sostenendo che aveva ragione lui.

Sara Aldobrandi


22/10/18

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
TERREMOTO IN ALTO MUGELLO
 
TERREMOTO IN ALTO MUGELLO
Nessun ferito, nè danni

Stanotte intorno alle 1,25 c´è stata una scossa di terremoto, che ha avuto come epicentro ...

STOP AI BIVACCHI IN VIA DEI NERI
 
STOP AI BIVACCHI IN VIA DEI NERI
Torna l´ordinanza anti-panino

Da oggi in via dei Neri, nel Piazzale degli Uffizi, in piazza del Grano e in via della Ninna, fin ...

GUIDA UN MOTORINO RUBATO
 
GUIDA UN MOTORINO RUBATO
Aveva anche la patente revocata

Mercoledì mattina una pattuglia dell’Autoreparto è intervenuta in ausilio all ...

CONTROLLO DEI CAPANNONI ABBANDONATI
 
CONTROLLO DEI CAPANNONI ABBANDONATI
Potrebbero essere utilizzati per lo smaltimento illegale di rifiuti

Massima attenzione ai capannoni industriali sfitti che possono rappresentare una risorsa per le o ...

CITTADINI SEGNALANO MOVIMENTI SOSPETTI
 
CITTADINI SEGNALANO MOVIMENTI SOSPETTI
La polizia arresta due spacciatori

Cittadini protagonisti, con la Polizia di Stato, della tutela del territorio. È successo n ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.