Firenze in diretta
Firenze, Domenica 17 Febbraio 2019 - ore 07:51
 
CRISI DELLA BEKAERT
CRISI DELLA BEKAERT
L´azienda non ritira i licenziamenti

Oggi a discutere del futuro dello stabilimento figlinese della Bekaert, insieme ai Sindacati, c´erano il Ministro Luigi Di Maio, il Presidente della Regione, Enrico Rossi, e la Sindaca Giulia Mugnai. Con loro anche i deputati Maurizio D’Ettore (Forza Italia), David Ermini (PD), Stefano Mugnai (Forza Italia) e Gloria Vizzini (M5S).

Per i Sindacati, oltre a Daniele Calosi (Fiom), Alessandro Beccastrini (Fim) e Davide Materazzi (Uilm), erano presenti anche Marco Bentivogli (Fim), Maurizio Landini e Francesca Re David (Fiom).

Parliamo di 318 lavoratori diretti e circa cento dell´indotto, che perdono il proprio posto di lavoro. Sono oltre 400 famiglie, non numeri. Le organizzazioni sindacali, le istituzioni locali e Regionali e il Ministro Luigi Di Maio, sono unite e determinate ad allungare i tempi delle procedure per avere il tempo necessario per una soluzione alternativa.

Dopo aver sfruttato per quattro anni le competenze dei metalmeccanici toscani, l’azienda decide di produrre in Slovacchia e Romania, dove i costi della manodopera sono minori.

Due anni fa l´azienda aveva comprato alla Pirelli e la Pirelli aveva garantito al governo italiano che aveva venduto a una multinazionale intenta a mantenere la produzione in Italia.

L´azienda ha già comunicato ai 318 lavoratori la procedura di licenziamento e nonostante l´incontro al Ministero non ci sono novità positive.

"Purtoppo è ancora fortemente negativo l´incontro al Ministero perchè, questa volta, l´azienda c´era ma abbiamo trovato un muro davanti a noi. - dice la sindaca Mugnai -

La Bekaert continua a sostenere la mancata volontà di ritirare i licenziamenti: una condizione che, per noi, continua a essere fondamentale, nell´ottica di poter trovare delle soluzioni future e garantire la tutela dei 318 dipendenti dello stabilimento di Figline.

Importantissima, invece, la presenza del Ministro Di Maio, che ha dato un segno chiaro della rilevanza della questione a livello nazionale.

Da parte nostra continuiamo a richiedere, con forza, il ritiro della procedura di licenziamento, anche perchè l´azienda si dice disponibile a trovare delle soluzioni. Certo, i 61 giorni rimasti al termine della procedura non sono sufficienti, quindi continuiamo la battaglia per chiedere il ritiro dei licenziamenti in tutte le sedi e con tutte le modalità possibili" .


06/07/18

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
RISSA PER UN PARCHEGGIO
 
RISSA PER UN PARCHEGGIO
Denunciate sette persone

Ieri pomeriggio intorno alle 18 è scoppiata una rissa tra sette persone in via Volterrana ...

PESTAGGIO IN PIAZZA DEI CIOMPI
 
PESTAGGIO IN PIAZZA DEI CIOMPI
Accusa di tentato omicidio per il minorenne

Il sedicenne che era stato fermato subito dopo l´aggressione in piazza dei Ciompi ai danni ...

FURGONE RUBATO RITROVATO GRAZIE AI SOCIAL
 
FURGONE RUBATO RITROVATO GRAZIE AI SOCIAL
Era carico di diversa refurtiva

Aveva letto sui social l’appello di un uomo a cui era stato rubato il furgone sotto casa su ...

INCENDIO IN UN CANNETO
 
INCENDIO IN UN CANNETO
Muore un ottantunenne

I Vigili del Fuoco del Comando di Firenze, distaccamento di Petrazzi, sono intervenuti ieri a Cas ...

UCCISE I VICINI CON UNA PISTOLA
 
UCCISE I VICINI CON UNA PISTOLA
´E´ sano di mente´

Fabrizio Barna, il cinquantatreenne disoccupato che uccise i vicini di casa a colpi di pistola, & ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.