Firenze in diretta
Firenze, Martedì 17 Luglio 2018 - ore 04:16
 
CRISI DELLA BEKAERT
CRISI DELLA BEKAERT
L´azienda non ritira i licenziamenti

Oggi a discutere del futuro dello stabilimento figlinese della Bekaert, insieme ai Sindacati, c´erano il Ministro Luigi Di Maio, il Presidente della Regione, Enrico Rossi, e la Sindaca Giulia Mugnai. Con loro anche i deputati Maurizio D’Ettore (Forza Italia), David Ermini (PD), Stefano Mugnai (Forza Italia) e Gloria Vizzini (M5S).

Per i Sindacati, oltre a Daniele Calosi (Fiom), Alessandro Beccastrini (Fim) e Davide Materazzi (Uilm), erano presenti anche Marco Bentivogli (Fim), Maurizio Landini e Francesca Re David (Fiom).

Parliamo di 318 lavoratori diretti e circa cento dell´indotto, che perdono il proprio posto di lavoro. Sono oltre 400 famiglie, non numeri. Le organizzazioni sindacali, le istituzioni locali e Regionali e il Ministro Luigi Di Maio, sono unite e determinate ad allungare i tempi delle procedure per avere il tempo necessario per una soluzione alternativa.

Dopo aver sfruttato per quattro anni le competenze dei metalmeccanici toscani, l’azienda decide di produrre in Slovacchia e Romania, dove i costi della manodopera sono minori.

Due anni fa l´azienda aveva comprato alla Pirelli e la Pirelli aveva garantito al governo italiano che aveva venduto a una multinazionale intenta a mantenere la produzione in Italia.

L´azienda ha già comunicato ai 318 lavoratori la procedura di licenziamento e nonostante l´incontro al Ministero non ci sono novità positive.

"Purtoppo è ancora fortemente negativo l´incontro al Ministero perchè, questa volta, l´azienda c´era ma abbiamo trovato un muro davanti a noi. - dice la sindaca Mugnai -

La Bekaert continua a sostenere la mancata volontà di ritirare i licenziamenti: una condizione che, per noi, continua a essere fondamentale, nell´ottica di poter trovare delle soluzioni future e garantire la tutela dei 318 dipendenti dello stabilimento di Figline.

Importantissima, invece, la presenza del Ministro Di Maio, che ha dato un segno chiaro della rilevanza della questione a livello nazionale.

Da parte nostra continuiamo a richiedere, con forza, il ritiro della procedura di licenziamento, anche perchè l´azienda si dice disponibile a trovare delle soluzioni. Certo, i 61 giorni rimasti al termine della procedura non sono sufficienti, quindi continuiamo la battaglia per chiedere il ritiro dei licenziamenti in tutte le sedi e con tutte le modalità possibili" .


06/07/18

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
NUBIFRAGIO NEL MUGELLO
 
NUBIFRAGIO NEL MUGELLO
Bloccata per alcune ore la ferrovia Faentina

Dopo le 17 di domenica il Mugello è stato colpito da forti temporali, che hanno causato ca ...

ARRIVA L´INFERMIERE DI FAMIGLIA
 
ARRIVA L´INFERMIERE DI FAMIGLIA
Una novità per l´assistenza a domicilio

Arriva l´Infermiere di Famiglia. Una nuova figura professionale che si prenderà cura ...

FIAMME ALLA STAZIONE
 
FIAMME ALLA STAZIONE
L´incendio nella zona del sottopasso

Nella notte si è sviluppato un incendio nel sottopasso della stazione Santa Maria Novella ...

CONTROLLI ANTI ABUSIVISMO
 
CONTROLLI ANTI ABUSIVISMO
Sequestrati oltre mille articoli

Oltre mille articoli sequestrati e due maximulte per altrettanti venditori abusivi. È ques ...

CHIUSURE NOTTURNE IN FIPILI
 
CHIUSURE NOTTURNE IN FIPILI
Da lunedì 16 a venerdì 20 luglio

Per interventi di ripristino del piano viabile, che saranno eseguiti in orario notturno dalle 22 ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.