Firenze in diretta
Firenze, Mercoledì 24 Ottobre 2018 - ore 01:52
 
MORTE DI DUCCIO DINI
MORTE DI DUCCIO DINI
Rossi: ´Chiudere i campi rom´

Dopo la morte di Duccio Dini, il giovane di 29 anni travolto domenica scorsa da una delle vetture coinvolte nell´inseguimento tra famiglie rom in via Canova a Firenze, il presidente della Regione Enrico Rossi ha rilasciato questa dichiarazione: "Ora è il momento del dolore e della vicinanza alla famiglia, ai parenti e agli amici di Duccio. Nessuno potrà mai restituire Duccio all´affetto dei suoi cari, la morte rende muti e pone interrogativi senza risposta costringendoci a riflettere sulla fragilità e sulla incompiutezza del nostro impegno quotidiano. Assieme al sentimento del dolore e della vulnerabilità, si impone per tutti il dovere di una reazione, umana e ragionata. La fine di Duccio non è una mera fatalità.

La rabbia e la protesta dei cittadini, dei commercianti, delle famiglie, del quartiere e di chi conosceva il giovane che è morto mentre si recava a lavoro, nel centro della sua città, è comprensibile ma non può tradursi in vendetta. Esiste una grande questione, che dobbiamo affrontare immediatamente. Riguarda la sicurezza dei cittadini e la presenza dello Stato nel territorio. È inaccettabile che una faida familiare, in una comunità dove si scontano precedenti per rissa, spaccio, sfruttamento della prostituzione, possa sfociare in una guerriglia urbana, che toglie la vita a un giovane.

I campi rom devono essere smantellati con soluzioni abitative alternative e deve essere favorita l´integrazione di chi è per bene. I criminali devono essere assicurati alla giustizia e devono pagare. Nessuna vendetta e nessuna discriminazione però è accettabile. Qualche settimane fa a Follonica un italiano ha ucciso un commerciante e ferito una passante con modalità mafiose.

La Toscana non è un´isola felice ed è attraversata da tutte le contraddizioni e i problemi del nostro paese e del nostro tempo. La via giusta è quella di perseguire la strada dell´accoglienza, dell´integrazione e del rispetto della legge. Aggiungere alla drammaticità dei problemi che viviamo l´odio razziale trasformerebbe la nostra regione in un far west, come abbiamo visto accadere, anche di recente, nella tragedia di Piazza Dalmazia del 2011.

Per questo avevo avanzato la proposta di istituire i poliziotti di quartiere, per presidiare il territorio e assicurare il pieno controllo delle città da parte dello Stato. Una proposta che intendo rilanciare. Per questo penso che il tema della chiusura dei campi, individuando soluzioni alternative, debba vederci ancora più impegnati. Sono queste le iniziative nelle quali la Regione, assieme ai sindaci, deve intensificare il proprio lavoro".

Da questa mattina la bandiera della Regione Toscana sulla facciata di Palazzo Strozzi Sacrati è listata a lutto in seguito alla morte di Duccio.


12/06/18

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
PRIMARIE REGIONALI PD
 
PRIMARIE REGIONALI PD
Eletta la renziana Bonafè

Si sono svolte ieri le primarie regionali per eleggere il nuovo segretario del Pd e ad imporsi &e ...

OMICIDIO CIATTI E STRAGE ERASMUS
 
OMICIDIO CIATTI E STRAGE ERASMUS
Il ministro Bonafede incontra l´omologa spagnola

Il ministro della giustizia Alfonso Bonafede ha incontrato la sua omologa spagnola Dolores Delgad ...

CONTE FA LEZIONE A FIRENZE
 
CONTE FA LEZIONE A FIRENZE
´Le previsioni di crescita vanno aggiornate´

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, atteso da centinaia di studenti, al Polo universitari ...

NARDELLA: PRESTO LA NUOVA MERCAFIR
 
NARDELLA: PRESTO LA NUOVA MERCAFIR
´La strada per lo stadio è spianata´

Nardella ha parlato oggi a Controradio affrontando il tema della Mercafir, collegato alla costruz ...

CONFINDUSTRIA SPINGE LE INFRASTRUTTURE
 
CONFINDUSTRIA SPINGE LE INFRASTRUTTURE
In arrivo 350 milioni per Peretola

"Investimenti per 350 milioni destinati a una nuova pista, al terminal passeggeri e importanti op ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.