Firenze in diretta
Firenze, Martedì 25 Settembre 2018 - ore 16:02
 
UNŽAGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO
UNŽAGENZIA REGIONALE PER IL LAVORO
Coordinerà i centri per lŽimpiego

EŽ pronta a nascere lŽagenzia regionale per il lavoro. Coordinerà lŽattività dei centri per lŽimpiego, ramificati sul territorio in cinquantatré sedi diverse. Vi saranno trasferiti da fine giugno i 417 dipendenti delle Province e della Città metropolitana che in quei centri oggi lavorano, ma che da gennaio sono comunque già in prestito alla Regione (i più in ‘avvalimentoŽ, qualcuno in ‘comandoŽ). Un centinaio di lavoratori a tempo determinato potranno essere stabilizzati se in possesso dei requisiti entro un anno. La neonata agenzia subentrerà a titolo gratuito anche nelle quote della Fil, la società in house della provincia di Prato che gestisce il centro per lŽimpiego del territorio laniero.

Il nuovo modello toscano dei servizi per lŽimpiego è tutto racchiuso allŽinterno della proposta di legge che la giunta regionale ha appena approvato. La firmano in due - lŽassessore al lavoro Cristina Grieco e quello al personale e allŽorganizzazione Vittorio Bugli – e passa ora allŽesame del Consiglio regionale. "Si chiamerà probabilmente Arti, agenzia regionale toscana per lŽimpiego - annuncia il presidente della Toscana Enrico Rossi - e costituisce un punto importante del rinnovo dellŽassetto organizzativo della Regione."

UnŽagenzia per il lavoro era già prevista nel 2014. "La sua attuazione era stata sospesa in attesa del riordino delle competenze a livello nazionale e poi anche degli esiti del referendum" spiega ai giornalisti lŽassessore Grieco . Ci sono voluti tre anni e due importanti accordi quadro tra Stato e Regioni. Ma quando, pochi mesi fa, il governo ha definito e stanziato risorse stabili per la copertura dei costi del personale - 22 milioni e 400 mila euro andranno alla Toscana per i suoi 417 dipendenti a tempo determinato e indeterminato – il progetto ha potuto rimettersi in moto. "Non ci saranno costi aggiuntivi per il personale" spiega ancora Grieco e chiarisce Bugli..

Aver piena potestà per organizzare i centri dellŽimpiego, che già da qualche tempo non si occupano più solo di incrociare domanda e offerta, è però strategicamente importante.. Svolgono infatti un ruolo fondamentale nella gestione di tutte le politiche del lavoro, quelle il cui coordinamento e programmazione spetta adesso alle Regioni. Si occupano di formazione e riqualificazione, orientano, valutano le singole competenze, definiscono profili e offrono consulenze. Non solo ai lavoratori ma anche a datori e imprese. Non in modo occasionale ma permanente. Un peso e un ruolo strategico, sottolineato dalla stessa Europa, che in futuro si vuole rafforzare e su cui, già in questa fase transitoria iniziata quando molte delle competenze provinciali due anni fa sono tornate in capo alla Regione, su cui la giunta toscana è già intervenuta attraverso un processo di riorganizzazione e potenziamento.

Una gestione unica e regionale servirà a garantire omogeneità. Nel dettaglio, il modello di governance scelto prevede il mantenimento in capo alla Regione della programmazione, del monitoraggio e delle analisi delle politiche del lavoro. Rimarranno alla Regione anche la definizione degli interventi finanziati attraverso fondi comunitari, nazionali e regionali, e delle linee di indirizzo e degli obiettivi della rete regionale dei centri per lŽimpiego, nonché degli standard di qualità dei servizi per il lavoro. Sarà sempre la Regione che si raccorderà, al riguardo, con lŽAgenzia nazionale per lŽoccupazione. AllŽAgenzia regionale per il lavoro spetterà invece la gestione della rete regionale dei centri per lŽimpiego e delle misure di politica attiva e dei servizi erogati a cittadini e imprese, in coerenza con i livelli essenziali delle prestazioni stabiliti a livello nazionale e con gli standard qualitativi regionali.


17/05/18

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
ALBERO ABBATTUTO
 
ALBERO ABBATTUTO
Era a rischio per il forte vento

Un albero di proprietà del Comune, posto allŽinterno di una rotatoria in via del Gignoro, ...

CONTINUA L´ALLERTA VENTO
 
CONTINUA L´ALLERTA VENTO
Raffiche superiori a 50 km/h

Continua fino a domani l’allerta per rischio vento forte in corso a Firenze. Il nuovo bolle ...

IL CHIANTI DIVENTA ŽSHIANDIŽ
 
IL CHIANTI DIVENTA ŽSHIANDIŽ
Il marchio registrato in caratteri cinesi

Il Chianti parla e scrive cinese. Dopo una lunghissima trafila burocratica, il marchio vino Chian ...

LA FIRENZE DEL FUTURO
 
LA FIRENZE DEL FUTURO
Disegnata dai bambini

Sono stati decine e decine bimbi e ragazzi che hanno partecipato al laboratorio “La citt&ag ...

NONNO ASCOLTAMI
 
NONNO ASCOLTAMI
Controlli gratuiti dellŽudito

"EŽ per noi un grande piacere ospitare questa campagna. La Regione Toscana punta da tempo sulla p ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date unŽocchiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITAŽ DŽALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.