Firenze in diretta
Firenze, Martedì 22 Gennaio 2019 - ore 06:17
 
NUOVO DEPURATORE A IMPRUNETA
NUOVO DEPURATORE A IMPRUNETA
Investiti 8 milioni di euro

È stato inaugurato ufficialmente questa mattina il nuovo Impianto di Depurazione di Impruneta in via di Cappello.

L’opera per l’occasione è stata aperta a autorità e stampa ed erano presenti, tra gli altri il sindaco di Impruneta, Francesco Casini, sindaco di Bagno a Ripoli, Giacomo Trentanovi, sindaco di Barberino Val D’Elsa, Paolo Sottani, sindaco di Greve in Chianti, Massimiliano Pescini, sindaco di San Casciano Val di Pesa, David Baroncelli, sindaco di Tavarnelle Val di Pesa, Filippo Vannoni e Simone Barni, rispettivamente presidente e vicepresidente di Publiacqua, Giovanni Marati, amministratore delegato di Publiacqua.

Presenti anche i tecnici che in questi anni hanno lavorato alla realizzazione dell’opera.

 

UN INTERVENTO FONDAMENTALE PER L’AMBIENTE

I lavori, iniziati nel 2015, con una lunga opera di bonifica bellica, si sono conclusi e Impruneta ha oggi il suo impianto di depurazione.

Nella realizzazione dell’opera si è avuta la massima attenzione per l’inserimento ambientale dell’impianto, minimizzando l’impatto visivo dello stesso. Oltre a ciò l’opera è stata costruita in modo da richiedere ridotte spese energetiche, grazie al fatto di essere posta su un’area in pendenza che degrada naturalmente verso l’alveo del fosso delle Acque Cadute, e con emissioni acustiche e di odori limitati al massimo, grazie ad esempio all’adozione di cabine insonorizzanti per le soffianti delle vasca di ossidazione e di processi depurativi che non prevedono rilascio di sostanze volatili.

 

I NUMERI E LE CARATTERISTICHE DELL’OPERA

La costruzione del nuovo depuratore ha richiesto a Publiacqua un investimento, comprese le opere di collettamento, di 8 milioni di euro circa per un’opera di ultima generazione che sorge in un’area di 0,41 ettari. Il depuratore ha una potenzialità pari a 8.000 abitanti equivalenti e ad esso sono collettati per essere depurati i reflui del capoluogo Impruneta e successivamente quelli delle località Ferrone e Strada in Chianti.

Il ciclo biologico dell’impianto prevede che i liquami subiscano fasi preliminari di trattamento (grigliatura grossolana e fine, dissabbiatore, sedimentazione primaria per quota parte portate ingresso); successivamente confluiscono in un comparto biologico (vasche di defosfatazione, vasche di denitrificazione, vasche di ossidazione/nitrificazione, vasche di sedimentazione secondaria), per essere poi affinati con filtrazione e disinfezione di emergenza, infine restituiti al corso d´acqua. I fanghi, primari e secondario, invece, sono trattati con digestione aerobica ed ispessimento per essere poi disidratati ai fini del conferimento a discarica o riutilizzati come ammendanti.


20/04/18

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
AGGREDISCE IL DATORE DI LAVORO
 
AGGREDISCE IL DATORE DI LAVORO
Tentato omicidio a colpi di mannaia

Un uomo di 41 anni di nazionalità cinese ha tentato di uccidere il suo datore di lavoro, u ...

TENDA A PIAZZALE MICHELANGELO
 
TENDA A PIAZZALE MICHELANGELO
Rimossa dopo l´intervento della municipale

Qualcuno aveva montato una tenda in un terreno pubblico accanto al Giardino dell’Iris ma st ...

ORDIGNO BELLICO TROVATO IN BIBLIOTECA
 
ORDIGNO BELLICO TROVATO IN BIBLIOTECA
Fatto brillare nelle campagne empolesi

È stato fatto brillare questa mattina, lunedì 21 gennaio, un ordigno bellico risale ...

SPRUZZA SPRAY AL PEPERONCINO SUL BUS
 
SPRUZZA SPRAY AL PEPERONCINO SUL BUS
Intossicate quattro ragazze

Una donna di 49 anni, peruviana, che lavora come badante ha spruzzato spray al peperoncino ieri p ...

CONCORSOPOLI A MEDICINA
 
CONCORSOPOLI A MEDICINA
Almeno due i concorsi sotto inchiesta

Secondo indiscrezioni sarebbero almeno due i concorsi sospetti nell´indagine aperta dalla g ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.