Firenze in diretta
Firenze, Mercoledì 15 Agosto 2018 - ore 05:21
 
NUOVO CODICE DI PROTEZIONE CIVILE
NUOVO CODICE DI PROTEZIONE CIVILE
Individuate le responsabilità delle diverse Autorità

Grande partecipazione, con oltra 400 presenze, al convegno "Presentazione del Codice della Protezione civile" che si svolge stamani nell´auditorium di Sant´Apollonia, a Firenze. Organizzato dalla Regione Toscana, l´evento è stato aperto dall´assessore Federica Fratoni.

"Una giornata molto importante  - ha detto Fratoni - perché la presentazione del Codice questa mattina non ha solo una finalità didattica e formativa, ma in realtà è l´inizio di un percorso. Noi dovremo comprendere e declinare al meglio quelle che sono le novità introdotte dal Codice che aggiorna un quadro di riferimento ormai datato 25 anni, ma dovremo declinarle sul nostro quadro toscano che segna punte d´eccellenza. Vorremmo affrontarlo in modo del tutto partecipato, come è stato fatto a livello nazionale, contando su una collaborazione molto stretta con i Comuni da una parte, e con tutto il mondo del volontariato dall´altra, uno dei nostri tasselli imprescindibili che fanno del nostro sistema un´organizzazione di riferimento perché è un volontariato formato e preparato e all´altezza dei compiti che gli vengono affidati. Un´occasione molto preziosa dunque,  che dobbiamo cogliere anche alla luce del nuovo inquadramento che viene fatto della Regione come ente di riferimento, il presidente è autorità di protezione civile e quindi la Regione a tutti gli effetti  svolge un ruolo centrale di pianificazione, organizzazione e gestione durante gli eventi. Un ruolo molto delicato che vogliamo svolgere al meglio attraverso una collaborazione stringente con tutti gli attori".

Il nuovo Codice di protezione civile (decreto legislativo n.224/2018 del 2 gennaio scorso) riforma il sistema della Protezione Civile italiana, rafforzando l´azione del servizio nazionale di protezione civile in tutte le sue funzioni, con particolare rilievo per le attività operative in emergenza. Ma, accanto a principi generali e validi su tutto il territorio nazionale, il codice viene "adeguato" alle differenti esigenze attraverso norme regionali e direttive del dipartimento.

Le novità più significative
Innanzitutto vengono individuate le Autorità di Protezione Civile: presidente del Consiglio dei ministri, presidenti della Regione, sindaci e sindaci metropolitani. Per la prima volta vengono definite anche le loro responsabilità, che riguardano: dare attuazione alle direttive, reperire le risorse finanziarie, definire l´organizzazione territoriale, assicurare la formazione del personale e individuare le procedure per garantire la prontezza operativa in occasione degli eventi.
 
Pianificazione
Declinata in ambiti territoriali ottimali, assume un ruolo centrale, diventando una attività di prevenzione. E´ infatti responsabilità delle Regioni definire gli ambiti territoriali ottimali aggregando, se necessario, più Comuni per esercitare le funzioni assegnate. i Comuni sono responsabili della pianificazione comunale.
La pianificazione dovrà essere predisposta con la partecipazione di tutte le componenti e strutture operative che dovranno riconoscervisi ed applicarla.
Il prefetto, mantenendo le sue competenze, dovrà peraltro operare "in raccordo" con il presidente della Regione e "coordinandosi" con la struttura regionale di protezione civile.
 
Vigili del fuoco
Viene per la prima volta sottolineato il ruolo del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco, quale componente e struttura operativa del Servizio di protezione civile.
 
Volontariato
Tra le strutture operative ampio spazio viene dedicato al Volontariato organizzato, gestito da enti locali e Regione.
Accanto al volontariato organizzato è riconosciuta, per la prima volta, una forma di volontariato che opera, consapevolmente e secondo le indicazioni impartite dalle istituzioni, nell´ambito personale, familiare o di prossimità.
Si tratta di un volontariato che ha il compito di applicare le disposizioni impartite dalle Autorità in caso di emergenza in ambiti circoscritti.  
 
Sistema di preannuncio
Si precisa che si tratta di previsioni di tipo probabilistico, e si sottolinea che gli scenari di rischio non devono essere considerati come immodificabili, vanno studiati in forma dinamica, seguendo il corso degli eventi.
 
Gestione delle emergenze
Si definisce in primo luogo l´ambito di operatività della protezione civile. Vengono escluse le grandi manifestazioni, ma anche eventi legati al rischio chimico, nucleare, radiologico, ambientale, per i quali la normativa prevede altri soggetti competenti. In questi ambiti la protezione può dare supporto ma non coordinare né organizzare.
 
Classificazione delle emergenze
Viene rinnovato il sistema, prendendo a riferimento la "capacità del sistema territoriale coinvolto" di dare risposta. Ci sono quindi: "l´evento di rilevanza locale" può essere fronteggiato mediante interventi abituali, effettuati dai singoli enti in via ordinaria; "l´evento di rilevanza regionale" che richiede che gli interventi, attuati dai singoli enti ordinariamente competenti, necessitino di coordinamento, mezzi e poteri straordinari per tempo limitato; e infine "l´´emergenza di rilevanza nazionale" deve essere fronteggiato con poteri e mezzi straordinari per periodi limitati.


09/04/18

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
LŽASSESSORE FRATINI DIVENTA GELATAIO
 
LŽASSESSORE FRATINI DIVENTA GELATAIO
ŽArtigiano per un giornoŽ 

Prove da artigiano per lŽassessore Massimo Fratini che questa mattina, sotto la guida di esperti ...

LA MINISTRA GRILLO A FIRENZE
 
LA MINISTRA GRILLO A FIRENZE
Scoppia la polemica sul farmaceutico militare

Il prefetto Laura Lega ha accolto Giulia Grillo, giunta a Firenze per visitare lo Stabilimento Ch ...

AGGRESSIONE A MILITANTI DELLA LEGA
 
AGGRESSIONE A MILITANTI DELLA LEGA
Devastato un gazebo in via Masaccio

Sono stati aggrediti ieri alcuni militanti della Lega che stavano distribuendo volantini sotto un ...

ROSSI INVITA IL MINISTRO TONINELLI
 
ROSSI INVITA IL MINISTRO TONINELLI
´Incontriamoci e discutiamo di infrastrutture´

"Quando si insedia un nuovo governo è normale che ci sia una discussione, in particolar mo ...

CONCIA LASCIA LA GIUNTA
 
CONCIA LASCIA LA GIUNTA
Al suo posto Massimo Fratini

Il sindaco Dario Nardella, con una comunicazione in consiglio comunale, ha annunciato la nuova co ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date unŽocchiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITAŽ DŽALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.