Firenze in diretta
Firenze, Martedì 24 Aprile 2018 - ore 02:43
 
TORNA LA DOMENICA METROPOLITANA
TORNA LA DOMENICA METROPOLITANA
L´8 aprile musei civici gratuiti

La Domenica Metropolitana di aprile offre una ricca proposta di visite e attività alla scoperta dei Musei Civici Fiorentini: grazie al sostegno di GIOTTO, love brand di F.I.L.A. Fabbrica Italiana Lapis ed Affini e di Mukki sono infatti in programma numerose visite e molteplici percorsi: fra queste le Piccole storie di colori Blu, Verde e Nero (in occasione della recente uscita dei volumi dedicati ai colori, ed. Topipittori) e gli atelier sull’affresco per i bambini, i ragazzi e le loro famiglie, mentre agli adulti sono offerte numerose visite in tutti i musei: fra questi – nell’ottica di una sempre maggiore accessibilità e inclusione culturale – si segnalano i percorsi speciali “a occhi chiusi” e condotti dai nuovi cittadini in Palazzo Vecchio. 

Si segnala l’accesso gratuito al Museo del Bigallo alle h10.00 e alle h12.00 (Piazza San Giovanni 1, prenotazione obbligatoria, tel. 055-288496), presso il Museo della Misericordia alle h15.15 e alle h16.30 (Piazza Duomo, prenotazione obbligatoria, tel. 055-239393) e al Museo Zeffirelli del Centro internazionale per le Arti dello Spettacolo Franco Zeffirelli, dalle h9 alle h17 (Piazza San Firenze 5, tel. 055-2658435; i gruppi con guida sono ammessi solo su prenotazione, con auricolari, pagando regolarmente il biglietto d’ingresso, a prescindere dal comune di residenza). 

Si segnala inoltre la visita-conversazione alla mostra Nascita di una nazione. Tra Guttuso, Fontana e Schifano in Palazzo Strozzi (visita alle h11.30, attività gratuita con biglietto d’ingresso alla mostra, max 15 partecipanti), che vede riunite opere emblematiche del fermento culturale italiano del secondo dopoguerra. 

Si ricorda che tutte le visite guidate e le attività nei Musei Civici Fiorentini sono gratuite per i cittadini residenti nella città metropolitana di Firenze e la prenotazione è obbligatoria. All’atto della prenotazione è possibile riservare un solo appuntamento nel corso della giornata per un massimo di 5 persone. 

Senza prenotazione sono gli accessi ai Musei Civici Fiorentini. Museo di Palazzo Vecchio (orario 9.00/23.00), Torre di Arnolfo** (orario 9.00/21.00, 30 persone ogni mezz’ora), Santa Maria Novella (orario 13.00/17.30), Museo Stefano Bardini (orario 11.00/17.00), Fondazione Salvatore Romano (orario 13.00/17.00), Museo Novecento (orario 11.00/20.00), Cappella Brancacci in Santa Maria del Carmine (ingressi 13.00/17.00, ultimo accesso ore 16.15, 30 persone ogni mezz’ora), Museo del Ciclismo Gino Bartali (ingressi 10.00/16.00). 

Attenzione: le biglietterie chiudono un’ora prima dell’orario di chiusura. 


INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI 

Da martedì 3 a sabato 7 aprile h 9.30-13.00 e h 14.00-17.00. 

ATTENZIONE: il servizio non è attivo la domenica mattina. 

Tel. 055-2768224, 055-2768558 

Mail info@muse.comune.fi.it 

Web www.musefirenze.it 



MUSEO DI PALAZZO VECCHIO 



Percorsi segreti 

per chi: per giovani e adulti 

orari: 10.00, 11.30, 14.30, 16.00 

durata: 1h15’ 

La proposta consente di visitare alcuni ambienti particolarmente preziosi: fra questi la scala realizzata per volere di Gualtieri di Brienne e ricavata nello spessore della muraglia; lo Studiolo di Francesco I de’ Medici, raffinatissimo scrigno “di cose rare et pretiose”, e lo Scrittoio del padre Cosimo I (più conosciuto come Tesoretto); infine l’imponente struttura a capriate che sorregge il soffitto a cassettoni del Salone dei Cinquecento. 

Orizzonti. Nuovi sguardi sul palazzo 

per chi: per giovani e adulti 

orari: 16.30 

durata: 1h15’ 

Palazzo Vecchio è da secoli il cuore pulsante della vita pubblica fiorentina e è ancora oggi la sede ufficiale del Comune di Firenze, oltre che museo di se stesso con le sue splendide sale monumentali. La visita consentirà di scoprire (o riscoprire) questo magnifico luogo con gli occhi di chi lo ha conosciuto arrivando a Firenze come “nuovo cittadino”. I visitatori saranno quindi guidati da voci appartenenti a diverse culture a visitare in modo nuovo lo storico palazzo della città e un´attenzione particolare sarà dedicata alla sala delle carte geografiche, finestra sul mondo tra passato e presente in grado di affascinare chiunque la esplori. 

La visita è proposta grazie alla collaborazione con l’Associazione Anelli Mancanti. 



Il palazzo a occhi chiusi 

per chi: per giovani e adulti, vedenti e non vedenti 

orari: 11.30 

durata: 1h15’ 

La visita tradizionale di Palazzo Vecchio si appoggia con forza sulla vista: lo sguardo si posa sui dipinti, sulle sculture, sui decori, ma anche sulle luci, sulle atmosfere, sugli spazi. Non è questo però l’unico senso che viene messo in gioco; e senza la vista tutti gli altri si attivano ed esplodono. Per il tempo di un’ora e mezza, visitatori vedenti e non vedenti si affiancheranno per un’esperienza di visita fondata sul tatto, sull’udito, sull’olfatto: per renderci conto di quanto senza gli occhi il museo – e il mondo – diventino ancora più ricchi, emozionanti e pregnanti. 



La Reggia Medicea 

per chi: per giovani e adulti 

orario: 12.00, 14.00 

durata: 1h15’ 

Le sale di Palazzo Vecchio raccontano ancora oggi in modo evidente le trasformazioni occorse nel Cinquecento, quando Cosimo I de’ Medici vi trasferì la sua residenza incaricando dei lavori prima Giovanni Battista del Tasso e poi Giorgio Vasari. Accanto alle funzioni governative il palazzo assunse così anche il ruolo di Reggia Ducale, ospitando non solo la famiglia ducale ma tutta la corte. Il percorso consente di visitare i principali ambienti del Palazzo con un’attenzione particolare non solo ai fasti e alle bellezze dell’età medicea ma anche agli aspetti di vita quotidiana, rievocando le consuetudini, gli avvenimenti e le curiosità che animarono tanto le sale pubbliche quanto le stanze private. 



In bottega, dipingere in fresco 

per chi: per famiglie con bambini dagli 8 ai 12 anni 

orari: 11.30, 16.30 

durata: 1h15’ 

“Di tutti gli altri modi che i pittori faccino, il dipingere in muro e` il piu` maestrevole e bello”. Cosi` Giorgio Vasari presenta la tecnica dell’affresco, considerata fra le piu` difficili poiché non consente ripensamenti e richiede una perfetta conoscenza dei materiali e dei pigmenti. L’atelier consente di cimentarsi con le diverse fasi di esecuzione di un piccolo affresco, che al termine dell’attivita` i partecipanti potranno portare via con se´. 



Vita di corte 

per chi: per famiglie con bambini dai 6 anni 

orari: 10.30 

durata: 1h15’ 

Oggi Palazzo Vecchio è un museo, ma nel Cinquecento era la residenza del duca Cosimo I de Medici, di sua moglie Eleonora de Toledo e dei loro undici figli. Attraversando le sale del museo i visitatori potranno non solo ammirare lo splendore della reggia ma anche immaginare i sontuosi banchetti nella Sala Grande e i terrazzi fioriti come giardini. Infine sarà possibile indossare mantelli e zimarrine, scarpe e cappelli cinquecenteschi oppure dilettarsi con alcuni giochi da principini. 



Piccole storie di colori. Verde 

per chi: per famiglie con bambini dai 4 ai 7 anni 

orario: 10.00 

durata: 1h 

Nel mondo dell’arte antica il Verde era un colore capriccioso: non era difficile da ottenere – poteva essere ricavato da foglie, radici, fi ori e persino dal rame – ma risultava poco durevole: aderiva difficilmente ai tessuti, spariva dai dipinti e persino nelle fotografi e di qualche decennio fa era il primo a scolorire. Ecco perché il Verde si è guadagnato la fama di colore dell’instabilità. L’attività prevede un’introduzione sull’importanza del verde e della natura per la famiglia Medici seguita da un percorso nelle sale di Palazzo Vecchio, dove saranno i bambini stessi a diventare alberi, cespugli e animali per dare vita a un illusorio giardino animato. 



Piccole storie di colori. Nero 

per chi: per famiglie con bambini dai 4 ai 7 anni 

orario: 15.00 

durata: 1h 

Esiste un colore Nero cattivo, quello associato alla morte e al buio; ma esiste anche un Nero più pregevole, quello dei giudici, degli arbitri e dei monaci. Nel Cinquecento poi il Nero, difficilmente ottenibile in tintura e quindi molto costoso, diventa il colore dell’eleganza, sfoggiato dalle persone di alto rango. Il Nero dunque ha tante anime e tante ombre; e proprio all’ombra scura è legata l’origine mitica della pittura. Dal nero vite al nero fumo, dal nero avorio al nero inchiostro, l’attività si muove alla scoperta delle numerose declinazioni del colore nella storia e nell’arte, attraverso narrazioni, esperienze tattili e giochi d’ombra condotti in Palazzo Vecchio. 




MUSEO STEFANO BARDINI 



Visita al museo 

per chi: per giovani e adulti 

orari: 14.00 

durata: 1h15’ 

Nel museo si respira la passione che ha animato l’antiquario e connoisseur Stefano Bardini nell’acquisire nel corso della sua vita una quantità così ingente di opere d’arte. La visita permette di conoscere la sua straordinaria collezione, dalle grandi opere – fra cui la Carità di Tino di Camaino o la Madonna dei Cordai di Donatello – alle preziose testimonianze di arti minori quali cassoni, maioliche, tappeti, armi, bronzetti. 



Piccole storie di colori: blu 

per chi: per famiglie con bambini dai 4 ai 7 anni 

orario: 15.30 

durata: 1h 

Il colore Blu è tra i più popolari dell’odierna civiltà occidentale, ma non era così nei primi secoli dopo Cristo, quando il Blu (a eccezione della civiltà egizia) non era nemmeno ritenuto un vero colore. Dopo aver ripercorso caratteri e simboli del Blu nel corso dei secoli – dal lapislazzuli al guado, dall’indaco al blu di Prussia – e aver avviato il concetto di Blu come colore del mondo celeste, l’attività porta alla scoperta delle storie di quel grande libro che è il cielo, le cui costellazioni sono state prima tradotte in miti da poeti e poi in immagini dagli artisti. Opera di riferimento è L’Atlante del Guercino, leggendario titano che sorregge il mondo e la sfera celeste. 




COMPLESSO DI SANTA MARIA NOVELLA 



Visita alla basilica 

per chi: per giovani e adulti 

orari: 14.30 

durata: 1h15’ 

La visita porta alla comprensione di uno straordinario documento della storia dei domenicani ma anche di un fondamentale capitolo della storia della città di Firenze. In questo senso un’attenzione particolare sarà dedicata alla storia dell’ordine, i cui caratteri teologici soggiacciono a tutte le vicende architettoniche e artistiche del convento, ma anche alla partecipazione attiva della cittadinanza, che da sempre ha supportato la vita del complesso grazie a lasciti, committenze e patronati. Sarà così possibile comprendere le peculiarità storiche ed estetiche dei maggiori capolavori del complesso, eseguiti dai maggiori artisti del Medioevo e del Rinascimento: fra questi Giotto, Masaccio, Filippo Brunelleschi, Paolo Uccello, Domenico Ghirlandaio, Filippino Lippi. 


Visita ai chiostri 

per chi: per giovani e adulti 

orari: 16.00 

durata: 1h15’ 

La visita consente di apprezzare l’eccezionale l’importanza storica e artistica degli spazi del convento domenicano, a cominciare dal celebre Chiostro verde, i cui meravigliosi affreschi della prima metà del Quattrocento, dipinti da Paolo Uccello e collaboratori, sono ora esposti nel Refettorio dopo il delicato intervento di restauro condotto dall’Opificio delle Pietre Dure. Il percorso prosegue con la visita della sala dell’antico capitolo, più nota come cappellone degli Spagnoli, il cui ciclo – affrescato da Andrea di Bonaiuto – si pone come una delle più alte e spettacolari rappresentazioni della missione domenicana e del trecentesco Chiostro Grande, da poco riaperto alla fruizione pubblica, che ospita uno straordinaria serie di affreschi dei maggiori pittori dell’Accademia fiorentina del Cinquecento. Infine, un vero e proprio ‘gioiello’ della pittura fiorentina nella fase di transizione fra Rinascimento e Manierismo, la Cappella del Papa. 





FONDAZIONE SALVATORE ROMANO E SANTO SPIRITO 



Visita della Fondazione Romano e di Santo Spirito 

per chi: per giovani e adulti 

orari: 15.30 

durata: 1h15’ 

La visita consentirà di ammirare la raffinata collezione dell’antiquario Salvatore Romano - donata alla città di Firenze e custodita nell’antico cenacolo del convento agostiniano - e l’annessa basilica, capolavoro di architettura rinascimentale, edificata nel XV secolo su progetto di Filippo Brunelleschi in sostituzione di una più modesta chiesa duecentesca, oggi patrimonio del fondo Edifici di Culto e scrigno a sua volta di preziose opere. 




LE MURATE 



Visita alle Murate. 

per chi: per giovani e adulti 

orari: 10.00, 11.30 

durata: 1h15’ 

La visita permetterà di conoscere la storia del complesso delle Murate, dalla sua fondazione come convento femminile per le monache di clausura, le murate, alla sua trasformazione in carcere nell’Ottocento fino al 1986, anno della riforma carceraria di Mario Gozzini. L’itinerario si snoderà tra gli spazi del complesso per concludersi nel carcere duro, la zona detentiva più severa, all’interno del quale trova posto l’installazione Nuclei (vitali) di Valeria Muledda: un “cammeo” della produzione artistica che oggi caratterizza il luogo.


03/04/18

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
STOP AGLI ANGLICISMI
 
STOP AGLI ANGLICISMI
La Crusca bacchetta il Ministero dell´Istruzione

Il MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) ha pubbli ...

I BOZZETTI DI ZEFFIRELLI ALLA FORTEZZA
 
I BOZZETTI DI ZEFFIRELLI ALLA FORTEZZA
Durante la Mostra dell´Artigianato

La Fondazione Franco Zeffirelli diventa parte integrante della 82a edizione della Mostra Internaz ...

DIRETTORE DELLA FONDAZIONE MICHELUCCI
 
DIRETTORE DELLA FONDAZIONE MICHELUCCI
E´ stato nominato Andrea Aleardi

Andrea Aleardi, architetto, ha collaborato con Giovanni Michelucci dal 1988 sino alla scomparsa e ...

CONTROLLO DELLA FACCIATA DI SANTA CROCE
 
CONTROLLO DELLA FACCIATA DI SANTA CROCE
La storia della sua realizzazione

Realizzata negli anni dell’Unità d´Italia la facciata della basilica è ...

NUOVE SALE ALL´ARCHEOLOGICO
 
NUOVE SALE ALL´ARCHEOLOGICO
Arriva il Vaso François

Il Direttore del Polo Museale della Toscana, Stefano Casciu, il Direttore del Museo Archeologico ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.