Firenze in diretta
Firenze, Mercoledì 20 Giugno 2018 - ore 04:04
 
INTERVENTO SALVAVITA A TORREGALLI
INTERVENTO SALVAVITA A TORREGALLI
Mamma e neonato tornano a casa

Sono tornati a casa la mamma di Scandicci di 42 anni e il suo piccolo che erano stati sottoposti ad un raro e delicato intervento nella Sala Parto del San Giovanni di Dio. Lo ha riferito, con soddisfazione, la dottoressa Paola Del Carlo, direttore del reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Torregalli.

L’intervento conferma che la Sala Parto del SGD ed il centro nascita hanno una elevata specificità anche nella gestione e trattamento delle patologie ostetriche e ginecologiche ad alto rischio emorragico.

Nel caso specifico è stato trattato dai ginecologi e dai radiologi interventisti un impianto placentare anomalo: la placenta era infatti localizzata nella parte inferiore dell’utero (placenta previa) e stava penetrando anche gli organi adiacenti (come ad esempio la vescica); una gravissima patologia ad alto rischio di morbilità e mortalità materna e neonatale.

La presenza di una sala ibrida chirurgica e radiologica, la disponibilità di un Point of care per lo studio immediato dell’assetto coagulativo, oltre all’attivazione dei radiologi interventisti che sono intervenuti da Careggi ed hanno operato in stretta collaborazione con i ginecologi, ed infine la possibilità di usufruire delle terapie intensive, materna e neonatale (quest’ultima diretta dal dottor Marco Pezzati, direttore dell’area pediatrica e neonatologica), hanno consentito alla madre di dare alla luce il suo terzo figlio e senza complicazioni.

Il direttore sanitario del presidio ospedaliero, dottor Simone Naldini, ha evidenziato che nel trattamento della paziente e del suo piccolo è stata messa in campo ogni risorsa possibile presente nella struttura ospedaliera: dalle tecniche di diagnostica per immagini (ecografia e risonanza magnetica) che hanno permesso di identificare la grave patologia fino a quel momento non correttamente diagnosticata nonostante la donna fosse alla 35esima settimana di gravidanza, fino all’attivazione delle più moderne tecniche operatorie. “Possiamo quindi affermare che questo ospedale- ha detto- è in grado di affrontare in sicurezza, e in modo completo e adeguato situazioni di elevato rischio ostetrico come l’impianto placentare anomalo”.

L’intervento, che era stato accuratamente preparato, ha spiegato la dottoressa Del Carlo, ha evitato anche l’asportazione dell’utero grazie ad un trattamento alternativo con il quale sono state embolizzate le arterie uterine così da realizzare una occlusione profilattica pre-parto nella donna che aveva avuto due pregressi tagli cesarei.

Il bambino è nato di due chili e mezzo ed è perfettamente sano.

La placenta previa è una patologia in aumento ed associata all’incremento dei tagli cesarei e all’età materna avanzata.


21/04/17

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
TARGA FALSA SULLŽAUTO
 
TARGA FALSA SULLŽAUTO
Rischia una multa di 8 mila euro

Sopra alle targhe originali ne aveva apposte altre due, tenute ferme da due elastici. E’ qu ...

IN BICI CON 2 KG DI HASHISH
 
IN BICI CON 2 KG DI HASHISH
Arrestato un ventottenne

I Finanzieri del Comando Provinciale di Firenze, nei giorni scorsi, hanno arrestato un cittadino ...

CAMPER CONTRO SCOOTER
 
CAMPER CONTRO SCOOTER
In ospedale il centauro

Sembrerebbe essere passato con il rosso il camper che nel primo pomeriggio di ieri ha urtato uno ...

GIOVEDI´ I FUNERALI DI DUCCIO DINI
 
GIOVEDI´ I FUNERALI DI DUCCIO DINI
Saranno in forma privata

I funerali di Duccio Dini, morto dopo essere stato investito da un´auto lanciata a folle ve ...

CHIUSURE IN FIPILI
 
CHIUSURE IN FIPILI
Per due notti consecutive

Per lavori di ripristino della pavimentazione stradale, LŽUfficio Viabilità della Citt&agr ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date unŽocchiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITAŽ DŽALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.