Firenze in diretta
Firenze, Giovedì 25 Maggio 2017 - ore 06:52
 
MINACCIATA E COSTRETTA A MENDICARE
MINACCIATA E COSTRETTA A MENDICARE
Ventiduenne rumena ridotta in schiavitù

Nella giornata di ieri, la Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Firenze, Anna D. Liguori, su richiesta del Pubblico Ministero Giuseppina Mione, nei confronti di due uomini e una donna - tutti di nazionalità rumena - accusati, in concorso tra loro, di aver ridotto in schiavitù una ventiduenne, loro connazionale e “moglie” di uno degli arrestati.

Le indagini della Squadra Mobile di Firenze, diretta da Giacinto Profazio, coordinate dalla Procura della Repubblica fiorentina, hanno consentito di accertare che la ragazza, arrivata in Italia l’estate scorsa, sarebbe stata minacciata e costretta, dal marito e dai parenti acquisiti, a mendicare per le strade e le piazze della città di Firenze.

Gli agenti della “Sezione Reati Contro la Persona” della Squadra Mobile hanno potuto ricostruire che la giovane donna, fin dal suo arrivo a Firenze, era stata costretta a chiedere l’elemosina ogni giorno, dalle otto del mattino alle quattro del pomeriggio, nei giorni feriali in prossimità di un semaforo di Piazza Dalmazia, mentre la domenica veniva fatta posizionare all’ingresso di una chiesa, sempre nella stessa zona.

Solo ad inizio anno, però, la ragazza, stanca delle continue angherie, minacce e violenze subite, ha trovato il coraggio di denunciare alla Polizia quanto subito nel corso di sette lunghi mesi, durante i quali, spesso, è stata anche picchiata dal connazionale al quale è legata secondo il tradizionale rito delle famiglie “Rom”. A spingerla a denunciare tutto quello che subiva sarebbero stati anche alcuni negozianti che avevano preso a cuore la sua situazione.

Secondo quanto accertato dagli investigatori per obbligare la ventiduenne a chiedere soldi in strada, si sarebbero ripetute nel tempo una lunga serie di minacce rivolte anche verso i due figli piccoli della donna, rimasti in Romania e per i quali la madre cercava, spesso, di trattenere qualche risparmio, mentre gran parte dei proventi della sua “attività” - tra i 30 e i 70 euro giornalieri - sarebbero poi finiti nelle tasche del marito e dei parenti di quest’ultimo.

Al termine dell’inchiesta, sulla base dell’ordinanza di custodia cautelare, sono finiti in manette il marito ventunenne della vittima, il suocero di 38 anni e la nonna acquisita di 60.


20/04/17

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
DETENUTO AGGREDISCE DUE AGENTI
 
DETENUTO AGGREDISCE DUE AGENTI
Era ricoverato a Torregalli, paura in ospedale

Attimi di panico ieri all´ospedale Torregalli dove un detenuto ricoverato e piantonato da d ...

BUONGIORNO CERAMICA 
 
BUONGIORNO CERAMICA 
Porte aperte alla Manifattura di Doccia

La Manifattura di Doccia apre le sue porte e offre a cittadini e curiosi l’opportunit&agrav ...

PRESO CON 5 MILA EURO FALSI
 
PRESO CON 5 MILA EURO FALSI
Arrestato grazie a un carabiniere fuori servizio

Un rumeno di 23 anni è stato bloccato alla stazione di Santa Maria Novella con addosso 50 ...

LA MARCIA DI BARBIANA
 
LA MARCIA DI BARBIANA
Come partecipare sabato 27 maggio 

Sabato 27 Maggio è il giorno della XVI Marcia di Barbiana. Un’edizione importante, i ...

SCIOPERO DI UNŽORA ALLA MALO
 
SCIOPERO DI UNŽORA ALLA MALO
Per sollecitare un incontro in Regione

L’azienda non dà disponibilità immediata alla Regione per un incontro sulla c ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date unŽocchiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITAŽ DŽALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.