Firenze in diretta
Firenze, Mercoledì 26 Aprile 2017 - ore 17:52
 
DUE STABILIMENTI CHIMICI A RISCHIO 
DUE STABILIMENTI CHIMICI A RISCHIO 
Reggello si mobilita

Ieri sera al teatro Excelsior di Reggello si è svolta una importante iniziativa sul futuro della chimica valdarnese, promossa dai delegati sindacali e dalle organizzazioni sindacali (Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil) delle aziende Sims e Istituto De Angeli. La partecipazione è stata altissima e il teatro era colmo di lavoratori e cittadini valdarnesi. Erano presenti i sindaci di Reggello, Figline Incisa e Pian di Scò, oltre ai parlamentari del territorio Elisa Simoni, David Ermini, Lorenzo Becattini e Alessia Petraglia.

I lavoratori hanno denunciato che in entrambe le aziende la direzione aziendale non ha ancora fornito risposte su come garantire la competitività degli stabilimenti, e hanno chiesto con forza alle due aziende farmaceutiche (che impiegano oltre 400 persone più l’indotto) di ritornare ai tavoli istituzionali per riprendere la discussione sui piani industriali che possano dare certezze per il futuro ai lavoratori. Senza impegni certi per la qualificazione degli stabilimenti è a rischio l’intera chimica valdarnese, così come è a rischio la tenuta occupazionale per tantissime famiglie di questo territorio che certo non si può permettere di correre questo immane rischio sociale.

LE DUE VERTENZE

Nell´immediato i sindacati analizzano la situazione dalla SIMS per impedire il definitivo declino dell´azienda che, senza una strategia industriale e un piano vero di rilancio, non ha futuro, non solo per i 35 lavoratori, dichiarati in esubero; ma a serio rischio risultano tutti e 130 i lavoratori dipendenti alla SIMS.

 

L´altro caso è quello di Istituto De Angeli di proprietà della francese FAREVA, attore mondiale nella produzione farmaceutica e chimica conto terzi con 30 sedi produttive dislocate in tutto il mondo con un fatturato in continua crescita. Nonostante le dimensioni mondiali e la solidità finanziaria, la multinazionale francese non ha un piano di sviluppo per De Angeli, il cui stabilimento a Reggello conta circa 300 dipendenti. I lavoratori chiedono da anni, senza successo, che l´azienda confermi gli impegni a suo tempo presi su investimenti ed occupazione nello stabilimento italiano.

 


28/03/17

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
ATTO VANDALICO AL PONTORME
 
ATTO VANDALICO AL PONTORME
Imbrattato il vialetto con un estintore

Atto vandalico al Giardino dentro le Mura di Pontorme. Ignoti hanno svuotato il contenuto di un e ...

FURTO DI ABITI DA SPOSA
 
FURTO DI ABITI DA SPOSA
Colpo grosso a Signa 

Stanotte, verso le 3,00 alcuni malviventi hanno perpetrato un furto ai danni del negozio di abiti ...

CASA SVALIGIATA
 
CASA SVALIGIATA
Ladro fugge con 6 mila euro in gioielli

Una donna si è trovata in casa un ladro nella sua villetta di via Stoppani alle Cure.

...
TUBATURE NUOVE IN VIA PIAVE
 
TUBATURE NUOVE IN VIA PIAVE
Contestualmente arriverà l´asfaltatura

Acque SpA sta per iniziare importanti lavori per il rifacimento della condotta idrica nel territo ...

DANNI PER L´USO DEL CELLULARE
 
DANNI PER L´USO DEL CELLULARE
L´Inail deve risarcire un lavoratore

Il tribunale di Firenze ha riconosciuto come malattia professionale un neurinoma al nervo acustic ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.