Firenze in diretta
Firenze, Domenica 30 Aprile 2017 - ore 22:31
 
DIVINE CREATURE
DIVINE CREATURE
L´handicap nella rivisitazione dei capolavori

Si apre a Firenze, nello spazio mostre temporanee del Museo dell’Opera del Duomo, un’esposizione di rara bellezza: “Divine Creature”. La mostra presenta, per la prima volta al pubblico, dieci straordinari lavori fotografici che rivisitano altrettanti capolavori di arte sacra, sostituendo ai personaggi immaginati dagli artisti, donne, uomini e bambini portatori di handicap.

Le opere rivisitate - capolavori di Caravaggio, Lodovico Cardi detto il Cigoli, Antono Ciseri, Mantegna, Antonello da Messina, Giuseppe Montanari, Rosso Fiorentino e Tiziano - rappresentano le tappe fondamentali della vita del Cristo, dall’Annunciazione fino alla Resurrezione.

La mostra è un progetto di Stranemani International, ideata e curata da Adamo Antonacci, promossa dall’Opera di Santa Maria del Fiore. Le fotografie sono di Leonardo Baldini coadiuvato dallo staff di Stranemani e Larione 10. Hanno collaborato le associazioni Noi da grandi, Special Olympics e Cooperativa sociale Matrix Onlus. La mostra è stata realizzata con il sostegno dell’Opera e della Banca Popolare di Vicenza.

Per la realizzazione delle opere fotografiche sono occorsi sei mesi di tempo e sono state coinvolte 45 persone, tra disabili e i loro familiari, che hanno aderito e partecipato al progetto con grande entusiasmo. I dieci capolavori rivisitati sono: l’Annunciata di Palermo di Antonello da Messina (1476), l’Annunciazione del Caravaggio (1609), l’Adorazione del Bambino di Gherardo delle Notti (1620), l’Angiolino musicante del Rosso Fiorentino (1521), Il Bacio di Giuda di Giuseppe Montanari (1918), l’Ecce Homo di Lodovico Cardi detto il Cigoli (1607), il Cristo e il Cireneo di Tiziano (1560 circa), Lamento sul Cristo Morto di Mantegna (1475-80), il Trasporto di Cristo al Sepolcro di Antono Ciseri (1870) e la Cena di Emmaus del Caravaggio (1606).

“Divine Creature” - afferma Timothy Verdon, direttore del Museo dell’Opera del Duomo - “è una mostra d´arte nello spirito del Vangelo così come ce lo illustra Papa Francesco”. Rivisita alcuni grandi capolavori d’arte cristiana sostituendo ai personaggi immaginati dagli artisti attori scelti tra i "fratelli più piccoli" di Cristo: donne, uomini e bambini handicappati. La logica di queste sostituzioni si trova nell´Antico e nel Nuovo Testamento, come Dio spiega a Samuele: Non conta ciò che vede l’uomo […] l’uomo vede l’apparenza, ma il Signore vede il cuore (1Sam16,7). E, come afferma san Paolo, per adesso noi vediamo e conosciamo le cose solo in modo imperfetto, mentre un giorno vedremo e conosceremo perfettamente (1Cor13,12).

Per Antonio Natali si tratta di una mostra di “rara bellezza”. “L’esposizione – scrive nel suo saggio in catalogo – “di questa sequenza d’immagini, che con attori attuali ripropongono fedelmente l’impaginazione di capolavori per lo più assai celebrati, è dovuta ad artefici diversi, perché diversi e di diversa matrice sono gli impegni profusi per la sua realizzazione. C’è, prima di tutto, l’invenzione poetica: l’idea cioè di ricreare nel presente e con persone reali una figurazione dipinta nel passato. C’è poi il fotografo, che mette al servizio di quell’idea le sue virtù (che non sono soltanto tecniche, ma anche poetiche). Ci sono i protagonisti d’una recitazione muta ma viva, che partecipano all’azione drammaturgica con la loro umanità. C’è infine – ma si potrebbero forse evocare anche altri artefici – l’ordinamento imposto alle immagini medesime, che alla fine trasforma una mostra di fotografie in un’installazione”.

 

Adamo Antonacci e Silvia Garutti (direttore esecutivo della mostra) spiegano che Divine Creature “è nata dall’esigenza di portare in piena luce un aspetto forse trascurato del messaggio evangelico, messaggio che dona alla figura del Cristo gran parte della sua inesauribile portata rivoluzionaria, ovvero lo speciale rapporto che lega Gesù alla disabilità”.


10/03/17

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
MUSEI CIVICI APERTI IL 1 MAGGIO
 
MUSEI CIVICI APERTI IL 1 MAGGIO
Palazzo Vecchio osserverà l´orario estivo

Il primo maggio, Festa del Lavoro, i musei civici fiorentini saranno tutti regolarmente aperti (t ...

I 25 ANNI DALLA MORTE DI BALDUCCI
 
I 25 ANNI DALLA MORTE DI BALDUCCI
Lectio magistralis il 3 maggio in Palazzo Vecchio

È affidata a Enzo Bianchi, priore della Comunità di Bose, la lectio magistralis del ...

BIGLIETTO UNICO PER PALAZZO PITTI
 
BIGLIETTO UNICO PER PALAZZO PITTI
Resta separato il Giardino di Boboli

La Reggia di Palazzo Pitti e il Giardino di Boboli, a partire dal 16 maggio cambiano regime di bi ...

RECORD DI VISITATORI AGLI UFFIZI
 
RECORD DI VISITATORI AGLI UFFIZI
Crescita di tutti i musei della Galleria

Le Festività Pasquali e il successivo weekend della Liberazione hanno fatto registrare un ...

IL NETTUNO COME NON LO AVETE MAI VISTO
 
IL NETTUNO COME NON LO AVETE MAI VISTO
Visite guidate nel cantiere di restauro

Il ‘Biancone’ a pochi centimetri, quasi sfiorato, visto da vicino come mai prima d&rs ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.