Firenze in diretta
Firenze, Mercoledì 29 Marzo 2017 - ore 09:09
 
LA DIETA DELL´UOMO DI NEANDERTHAL
LA DIETA DELL´UOMO DI NEANDERTHAL
Scoperta dallo studio del tartaro

La dieta dell’Uomo di Neanderthal? Carne di rinoceronte o muflone nel Centro Europa, funghi, muschio e pinoli in Spagna. L’originale menù, le sue distinzioni regionali e alcune malattie dei nostri lontani antenati sono stati ricavati dall’analisi del DNA del tartaro dentale, oggetto di una ricerca internazionale, pubblicata su “Nature”.

Al lavoro, guidato dai ricercatori Laura S. Weyrich e Alan Cooper dell’Università australiana di Adelaide, ha partecipato David Caramelli, del Dipartimento di Biologia dell’Università di Firenze.

Il sequenziamento del DNA dei depositi dentali di cinque esemplari europei di Neanderthal ha rivelato marcate differenze regionali nell’alimentazione: un uomo di Neanderthal proveniente dalla grotta di Spy in Belgio osservava una dieta a base di carne e mangiava rinoceronte lanoso e muflone, caratteristici di un ambiente di steppa. Al contrario un individuo di El Sidrón in Spagna si nutriva di pinoli, muschio e funghi, ricavati dalla foresta.

Ma lo studio fornisce anche informazioni sul microbioma (la cosiddetta flora batterica) dell’uomo preistorico, sulla sua salute e malattie. Dall’analisi del Neanderthal spagnolo si ricava come il nostro progenitore si sia curato un ascesso dentale, svelato dalla conformazione ossea: nel DNA del tartaro preistorico sono, infatti, state rintracciate sequenze riconducibili a muffe, probabilmente cresciute su materiale erbaceo, capaci di produrre Penicillium, e altre riconducibili al pioppo, che contiene l’acido acetilsalicilico.

Sempre dallo studio del campione proveniente da El Sidrón il team mondiale - che per l’Italia, oltre all’Ateneo fiorentino, comprendeva anche l’Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente - sono state ottenute sequenze di un batterio (Enterocytozoon bieneusi), che provoca diarrea acuta negli esseri umani. Ed è stato individuato il genoma quasi completo di un batterio orale, il Methanobrevibacter commensali, che con 48mila anni di età può essere considerato il più antico genoma microbico orale finora scoperto.

“La ricerca d’avanguardia sta percorrendo strade molto innovative per la valorizzazione dei reperti antichi, desumendo dati preziosi anche da poche tracce di un elemento – spiega David Caramelli –. Basti pensare che fino a poco tempo fa il tartaro veniva addirittura rimosso dalle collezioni odontoiatriche antropologiche”.


09/03/17

  Bookmark and Share
 
Altre notizie
Leggi altri articoli
TESORI SALVATI, TESORI DA SALVARE
 
TESORI SALVATI, TESORI DA SALVARE
In mostra agli Uffizi le opere recuperate dopo il terremoto

E´ stata inaugurata oggi nell´Aula Magliabechiana degli Uffizi e resterà aperta fino al 3 ...

PIETRE MIRABILI TRA MEDICI E NATURA
 
PIETRE MIRABILI TRA MEDICI E NATURA
Mostra inaugurata alla Specola 

Una straordinaria selezione di pietre lavorate appartenute alla famiglia Medici, affiancata da un ...

RESTAURATA L´ADORAZIONE DEI MAGI
 
RESTAURATA L´ADORAZIONE DEI MAGI
Riscoperti i colori originali di Leonardo

La riscoperta de L´Adorazione dei Magi fatta oggi agli Uffizi è stata proprio una ri ...

LA DOMENICA METROPOLITANA
 
LA DOMENICA METROPOLITANA
Torna il 2 aprile

La Domenica Metropolitana di aprile offre come di consueto visite e attività gratuite nei ...

CONTEMPORANEAMENTE ITALIA
 
CONTEMPORANEAMENTE ITALIA
Una card per 18 musei di arte contemporanea in Italia

Una card per 18 musei di arte moderna e contemporanea d’Italia che consente l’accesso ...

 
 
I NOSTRI AMICI A 4 ZAMPE
Aiutiamo a cercare casa agli animali in difficoltà. E siamo a disposizione per le segnalazioni di quelli scomparsi.
 
CUCINIAMO INSIEME
Volete preparare un piatto sfizioso fatto in casa? Date un´occhiata alle ricette di Mamma Pina.
 
DI CHE VIA SEI?
Sapete a chi è intitolata la via dove abitate? Un altro modo per conoscere la città.
 
CURIOSITA´ D´ALTRI TEMPI
Un viaggio nella storia della città che ci porterà a nuove scoperte.
 
 
 
scrivi al direttore
 
 
Meteo Toscana
 

 

     
Bookmark and Share  

Testata Giornalistica, Autorizzazione del Tribunale di Firenze n. 5946 del 18 febbraio 2014.
Tutti i diritti riservati all'editore: Viola Srl semplificata - in liquidazione - P.I. 06357850483 sede via Cecioni 123, 50036 Pratolino, Firenze.